/ Eventi

Eventi | 24 aprile 2021, 07:42

25 Aprile: le celebrazioni per il 76° anniversario della Liberazione in Granda

Per il secondo anno consecutivo cerimonie semplici e iniziative online nel rispetto della normativa anticovid

Alba, foto di Beppe Malò

Alba, foto di Beppe Malò

I Comuni della provincia del Cuneese si preparano per celebrare, seppur in forma ridotta, la ricorrenza del 25 aprile

Il Giorno della Liberazione sarà ricordato per il secondo anno consecutivo dallo scoppio della Pandemia con cerimonie semplici e iniziative online, nel rispetto delle norme anticontagio. 

Articolo in aggiornamento

Cuneo

Domenica 25 aprile dalle 10.00 alle 12.00 il Circolo “Rosa Luxemburg” del Partito della Rifondazione Comunista di Cuneo organizza anche quest’anno il tradizionale momento di ricordo dei patrioti caduti per la Liberazione della città, con la deposizione simbolica di un fiore alle lapidi Partigiane.

Il ritrovo è alle ore 10.00 di domenica 25 aprile in via Roma angolo vicolo “Quattro Martiri” dove dallo storico portone del Palazzo della “Barra di Ferro” al civico 28 di via Saluzzo (oggi sede del Partito della Rifondazione Comunista) partì l’insurrezione cittadina delle Squadre di Azione Patriottica che contribuì alla Liberazione della città Medaglia d’Oro della Resistenza.

Per quanto riguarda le celebrazioni del Comune, queste si limiteranno alla deposizione di corone al Parco della Resistenza e ai luoghi simbolo. Come disposto dalla circolare, la partecipazione ai momenti commemorativi è limitata al Sindaco, al Prefetto e ad un rappresentante dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Inoltre, per celebrare l’importante ricorrenza, la sera del 25 aprile la Torre Civica sarà illuminata con il tricolore.

Savigliano 

Domenica 25 aprile, alle ore 11 il Sindaco, i rappresentanti Forze dell’Ordine e il Presidente dell’ANPI, deporranno una corona in piazza Santarosa alle lapidi dei Partigiani fucilati. Alle ore 18 presso la chiesa di Sant’Andrea Santa Messa in ricordo dei caduti in tutte le guerre. A partire dalle ore 17.30 di sabato 24 aprile, sarà visibile online sul sito www.centrodellamemoriasavigliano.it il filmato Libertà a tre colori: viaggio tra le suggestioni di lettere ritrovate. Letture e canzoni per non dimenticare: a cura degli allievi dell’IIS Arimondi Eula in collaborazione con l’Archivio Storico del Comune di Savigliano. 

Bra 

Diretta streaming della commemorazione ufficiale è in programma alle ore 10 di domenica 25 aprile sulla pagina Facebook del Comune di Bra (visibile anche dai non iscritti al social e raggiungibile cliccando nell'orario dell'evento su questo link o dalla home page del sito www.comune.bra.cn.it). In collegamento da piazza Caduti per la Libertà il sindaco Gianni Fogliato e il presidente del Consiglio comunale Fabio Bailo renderanno omaggio alla memoria di chi ha lottato per la nostra libertà con la deposizione corona d’alloro e l’intervento da Palazzo Municipale, alla presenza di una rappresentanza delle associazioni combattentistiche e dell’Anpi.                                                                                       

Alba 

L’appuntamento principale delle celebrazioni sarà un incontro trasmesso in diretta sui canali social il 25 aprile, durante il quale verranno presentati in prima visione due contributi video: il primo realizzato nei Comuni di Alba, Bra, Treiso e Santo Stefano Belbo - frazione di Valdivilla, con gli interventi dei Sindaci ed il secondo con le pagine di Beppe Fenoglio lette dai figli dei partigiani.

Domenica 25 aprile, alle ore 10:30, i componenti dei Consiglio comunale di Alba si riuniranno in diretta sui canali social della Città. Il programma dell’incontro prevede l’introduzione del Presidente del Consiglio Domenico Boeri e gli interventi dei Consiglieri comunali. Seguiranno approfondimenti a cura di Enzo Demaria, Presidente dell’ANPI di Alba e di Renato Vai, Presidente dell’Associazione Padre Giuseppe Girotti. Nel corso dell’incontro verrà trasmesso il video realizzato all’unisono dai Comuni di Alba, Bra, Santo Stefano Belbo - Valdivilla e Treiso, con la partecipazione dei Sindaci e dei testimoni del territorio. Nel centenario della nascita dello scrittore Beppe Fenoglio, i figli dei partigiani: Margherita Fenoglio, Lorenza Balbo e Paola Farinetti, leggeranno brani tratti da Il Partigiano Johnny, in un video realizzato nei luoghi della Resistenza. Le conclusioni saranno a cura dell’Assessore alla Cultura e Vice Sindaco Carlotta Boffa e del Sindaco Carlo Bo.

Sabato 24 aprile 2021 alle ore 18:30 in diretta Facebook sulla pagina https://www.facebook.com/libreria.latorre, si terrà un incontro organizzato dalla Libreria La Torre e dalla Sezione ANPI di Alba, nel corso del quale sarà presentato il volume di Chiara Colombini “Anche i partigiani però…” Editori Laterza, 2021. Sarà presente l’autrice. Interverrà all’incontro Barbara Berruti, storica e vice direttrice dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea "Giorgio Agosti".

Lunedì 26 aprile, alle ore 17, il Centro Culturale San Giuseppe, in collaborazione con l’Associazione Beato Giuseppe Girotti, ospiterà sulla pagina Facebook di LRM TV una diretta streaming. Interverranno Roberto Cerrato, presidente del Centro Culturale San Giuseppe e Renato Vai, presidente dell’associazione Beato Giuseppe Girotti che, attraverso letture e commenti agli eventi di quell’aprile di liberazione, ripercorreranno la memoria delle giornate che generarono nell’allora Vescovo Monsignor Luigi Maria Grassi.

Mondovì

Si avvicina l’importante ricorrenza del 25 aprile: per quella data, purtroppo, non saremo ancora fuori dalla pandemia, la “liberazione” dal Covid inizierà (deve iniziare) in modo graduale dal giorno dopo, dal 26. Per questo, l’ANPI di Mondovì, in pieno accordo con l’Amministrazione Comunale, propone alla cittadinanza una forma inedita di partecipazione: far pervenire in Comune, da parte di chi è interessato e sensibile ai valori dell’antifascismo e della Resistenza, riflessioni, pensieri, poesie, ecc… che verranno poi affissi su alcuni pannelli disposti ai lati del Monumento dei Caduti in via Delvecchio qualche giorno prima del 25.

Si potranno collocare tali contributi scritti in un apposito raccoglitore posizionato davanti all’ingresso del Comune  in orario d’ufficio da martedì a sabato dalle 11 alle 12.30.

Analogamente, chi vorrà potrà portare fiori in suffragio e onore dei Partigiani nei vari luoghi della città a loro dedicati.

A conclusione, poi, del Progetto “Lettere Partigiane”, che ha visto coinvolti in modo del tutto volontario alcuni studenti degli Istituti Superiori della città, si pensa di organizzare forme di lettura on line dei testi da loro prodotti in occasione del 29 aprile, giorno della Liberazione di Mondovì: i testi saranno anche reperibili sulla pagina Facebook dell’ANPI di Mondovì.

Fossano

 

La principale novità delle celebrazioni del 25 Aprile in questo 2021 è il video che l'ANPI Fossano, ha realizzato nelle settimane scorse in collaborazione con le insegnanti Luisa Mosca e Donatella Gertosio ed i loro alunni delle classi Quinte A, B e C della Scuola Elementare 'Primo Levi', appartenente all'Istituto Comprensivo Federico Sacco.

Ai bambini sono stati letti 3 monologhi riguardanti le vicende di 3 partigiani legati alla città di Fossano: il tenente Andrea Paglieri, Anna Maria Pagliero, staffetta partigiana, e Sebastiano 'Nini' Mondino.

I bambini, lavorando a coppie, sotto la supervisione delle maestre hanno realizzato una serie di disegni che ne illustrano le vicende narrate.

I disegni sono stati raccolti per formare un video avente come voci narranti le interpretazioni di tre attori: Giulia Odetto (Anna Maria Pagliero), Marco Silvestro (Sebastiano Mondino) e Simone Torre (Andrea Paglieri).

Il video, creato dal grafico e videomaker Giosuè Munno, sarà pubblicato domenica 25 aprile sui canali social dell'ANPI Fossano: la pagina Facebook 'Resistenza Partigiana Fossano' e il canale Youtube 'ANPI Fossano'.

Dogliani

Anche quest’anno non sarà ancora possibile celebrare la Festa della Liberazione del 25 aprile con la partecipazione in presenza della popolazione e delle varie associazioni cittadine.

Ciononostante un momento ufficiale, in forma ridotta, si terrà domenica 25 aprile: alle ore 11,15 il sindaco accompagnato da un rappresentante della polizia municipale renderà omaggio alle lapidi dei partigiani delle Langhe e delle vittime del bombardamento del 31 luglio 1944 apposte sul Palazzo Comunale, quindi deporrà una corona presso il Monumento dei Caduti e successivamente al cippo in memoria dei Caduti dell’eccidio della Martina del 16 novembre 1944.

Per continuare a stimolare l’esercizio della memoria e la riflessione sui valori che animarono giovani donne e uomini che ci hanno consegnato il patrimonio politico e morale della Resistenza, l’Amministrazione Comunale commemora il 76° anniversario della Liberazione attraverso una iniziativa dell’Assessorato alle Politiche Culturali, in collaborazione con la Biblioteca “L. Einaudi”, che viene pubblicata sulla pagina Facebook del Comune di Dogliani.

Si tratta di un progetto che continua e completa quanto realizzato in occasione del 25 aprile dello scorso anno, dedicato alle “pietre di memoria” doglianesi (intitolazioni di vie o lastre commemorative), legate a fatti drammatici che causarono vittime civili e ai protagonisti durante la lotta di Liberazione.

Quest’anno, alle immagini e alle schede storiche, si aggiungono i video realizzati dal regista Remo Schellino contenenti le “voci” originali dei testimoni di quegli anni che ricordano i luoghi, i fatti e le figure chiave della Resistenza sul territorio doglianese.

Racconigi 

VOCI DI LIBERTA’ Oratorio laico sulla Resistenza delle donne Dal 24 aprile online, un reading collettivo per celebrare la Liberazione firmato da Progetto Cantoregi, con Anpi e Comune di Racconigi www.progettocantoregi.itwww.comune.racconigi.cn.it

Progetto Cantoregi, in collaborazione con Anpi Racconigi e Comune di Racconigi, celebrano l’impegno coraggioso, la profonda passione civile, la risoluta fedeltà ai valori di libertà e fratellanza, o meglio dire sorellanza, delle donne durante la Resistenza, con l’iniziativa online “VOCI DI LIBERTA’. Oratorio laico sulla Resistenza delle donne”.

Un reading collettivo a più voci, per raccontare l’impegno femminile nella lotta per la di liberazione dell’Italia dal nazifascimo, ripreso alla Soms di Racconigi e trasmesso dal 24 aprile sui canali social e sul sito di Progetto Cantoregi e sul sito del Comune di Racconigi.In scena per “Voci di libertà” le attrici Irene Avataneo, Chiara Franza e Alessandra Lappano. Interventi di Pierfranco Occelli, presidente della sezione Anpi di Racconigi e Valerio Oderda, sindaco di Racconigi.

Barge 
Domenica 25 aprile 76° Anniversario della Liberazione, l'Amministrazione Comunale di Barge deporrà le corone ai principali monumenti e lapidi  presenti sul territorio comunale, con l'intervento di una rappresentanza della Banda Musicale.

La Santa Messa, in onore dei Caduti, si svolgerà nell'area esterna della sede Alpini/Protezione Civile in piazza Stazione n. 4/A. 

In caso di maltempo sarà celebrata presso la Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista.

Chiusa Pesio 

Nel 76° anniversario della Liberazione, Chiusa di Pesio si prepara a festeggiare il 25 aprile pur dovendo rinunciare alla fiaccolata al Sacrario Partigiano, tradizionalmente organizzata in collaborazione con l’Associazione Resistenza sempre nel Rinnovamento e gli alunni dell’istituto Tommaso Vallauri. Oltre alla deposizione della corona al Sacrario di Certosa di Pesio da parte del sindaco Claudio Baudino, l’appuntamento è alle 14 in diretta Facebook sulla pagina della Biblioteca Civica Ezio Alberione con la scrittrice e giornalista Lia Levi. L’evento, realizzato in collaborazione con la biblioteca e il Complesso Museale Cavalier Giuseppe Avena, sarà visibile anche a chi non è iscritto a Facebook e rimarrà sulla pagina della biblioteca a disposizione del pubblico.

Borgo San Dalmazzo

Borgo San Dalmazzo si appresta a celebrare il 25 aprile 2021, 76° Anniversario della Liberazione d’Italia dal nazifascismo, nell’impossibilità di svolgere le consuete celebrazioni pubbliche, rispettando le restrizioni previste in questo momento emergenziale.

Domenica 25 aprile, invece, dalle ore 11 il sindaco e i rappresentanti dell’amministrazione comunale si soffermeranno singolarmente per un momento di raccoglimento e commemorazione presso il monumento in Piazza della Liberazione.

Saluzzo 

Il Comune di Saluzzo, per fornire spunti di riflessione collettiva e di approfondimento, propone gli interventi di due personalità del mondo della cultura e della politica. Si tratta di Walter Veltroni, ex ministro, sindaco di Roma, regista e scrittore, e di Elly Schlein, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna.
I contributi video saranno visibili a partire dalle 10 di domenica 25 aprile sulla pagina Facebook del Comune di Saluzzo, insieme ad un saluto del sindaco Mauro Calderoni, del presidente della locale sezione Anpi Giorgio Rossi.

Inoltre, sempre nel programma del 76° anniversario della Liberazione del Comune di Saluzzo, venerdì 23 dalle 17,30 alle 18,30, inaugurazione del ciclo «La scuola che legge», sul tema della legalità, rivolto agli insegnanti su Zoom (info: bibliosaluzzo@gmail.com).
Domenica 25 aprile dalle 17 sul canale Youtube dell’Anpi di Saluzzo si potrà vedere la lezione «Dalla marcia su Roma all’8 settembre»a cura di Livio Berardo, regia di Enrico Pignatta.
Martedì 27 aprile alle 21 sulla pagina Facebook del cinema teatro «Magda Olivero» di Saluzzo (e anche su quella del Comune di Saluzzo) sarà proposta «Per voce offesa», una produzione teatrale di «Voci erranti» per la Giornata della Memoria 2010, per rendere omaggio alla scrittrice e staffetta partigiana di Mondovì Lidia Beccaria Rolfi, morta nel 1996, ex deportata politica a Ravensbrusk, personalità a cui sarà intitolata la nuova biblioteca civica di Saluzzo. La regia è di Silvia Venturini. In scena c’è Cristiana Soci. La voce narrante è di Paola Sibille, indimenticata staffetta partigiana saluzzese, deceduta nel gennaio del 2015. 

 

Verzuolo 

Sabato 24 aprile alle ore 21, presenza-presidio nei luoghi di Verzuolo legati a vicende della lotta di Liberazione: slargo di fronte alla Scuola Materna Umberto I – Piazza Martiri della Libertà – Piazzale Cartiera Burgo – Fontana 3 valli partigiane . Piazza Schiffer Villanovetta – Cippo caduti zona Madonna della Neve – Piazza Alessi Falicetto. In ogni postazione potranno essere presenti al massimo 4/5 persone (opportunamente distanziate) che alle ore 21, in contemporanea accenderanno le fiaccole. La lettura di un breve resoconto sottolineerà le vicende legate al luogo. (Analoga iniziativa sarà estesa dall’ANPI ai comuni confinanti e a quelli della valle). Nel caso che il “colore” della nostra Regione lo consenta, chi lo desidera, potrà essere presente alla postazione in Piazza Martiri di fronte al Municipio. 
Domenica 25 aprile alle  ore 9.15 Piazza Martiri Cerimonia ufficiale alla presenza del Sindaco, dei rappresentanti del Consiglio comunale dei ragazzi e delle Associazioni. Consegna ai rappresentanti degli alunni delle classi quarte della Scuola Elementare di un volume contenente la Costituzione della Repubblica Italiana. Ore 10 SS. Messa presso Parrocchia SS. Filippo e Giacomo. Ore 11.15 SS. Messa presso Cappella Madonna della Neve. 

Dronero

Negli anni molte iniziative, eventi didattici, come anche progetti di riqualificazione dei luoghi simbolo. In occasione del 25 aprile, nell’impossibilità data dal perdurare della pandemia, il comune di Dronero ha deciso di celebrare la ricorrenza pubblicando sulla sua pagina facebook questo video (https://www.facebook.com/cittadidronero/) realizzato in collaborazione con l’ANPI.

 “Ci sono state delle Valli che sono state, ad essere sinceri ed obiettivi più premiate nel corso degli anni, per gli studi che sono stati fatti, per le ricerche, per i riconoscimenti. Ma dopo anni in cui ci è stata un po’ di dimenticanza, oggi forse il riscatto c’è stato”.

Nelle parole di Gigi Garelli, direttore Istituto storico della Resistenza di Cuneo, il racconto della Valle Maira durante i 20 mesi di guerra partigiana, ciò che accadde a partire dall’8 settembre 1943 fino ad arrivare ai giorni della liberazione. L’importanza di tenere viva quella memoria e, nel ripercorrerla, fare in modo che mai più accada. L’intento del comune, attraverso il video, è quello di non lasciare che della parola “libertà” un significato profondo possa in qualche modo sfuggire.

Beinette

LMercoledì 28 Aprile ore 20,30 su piattaforma Zoom in collaborazione tra le Biblioteche di Peveragno e Beinette, una serata per celebrare la Festa della Liberazione dal nazifascismo in Italia. Le Biblioteche di Peveragno e Attivamente di Beinette sono felici di invitarvi all’evento. Durante la serata letture a più voci dei volontari di associazioni culturali del territorio e testimonianze ricorderanno momenti di resistenza civile e umana di donne e uomini per dare spazio ai valori della Resistenza e libertà nella storia e nella nostra quoti-dianità. Anche i nostri territori con sacrificio e piccoli gesti di persone a volte meno note han-no contribuito in quel difficile e confuso momento storico a porre le basi per costruire un paese libero. Una serata per tenere vivo il valore della libertà come fosse l’aria che respiriamo e tenerla intorno a noi facendo in modo che non possa mai mancarci. La serata è organizzata con il patrocinio dei rispettivi comuni. Per ricevere il link della serata e avere maggiori informazioni:

bibliotecabeinette@gmail.com / 0171.384857.


Dogliani

L’Amministrazione Comunale di Dogliani non potendo anche quest’anno celebrare la Festa della Liberazione del 25 aprile in presenza, commemora il 76° anniversario della Liberazione attraverso un’iniziativa dell’Assessorato alle Politiche Culturali, in collaborazione con la Biblioteca “L. Einaudi” sulle pagine Facebook e YouTube del Comune.

A partire da oggi giovedì 22 fino a sabato 24 aprile vengono pubblicati 3 brevi video documentari realizzati in collaborazione con il regista Remo Schellino, contenenti le testimonianze dirette di persone che hanno vissuto la Resistenza sul territorio doglianese durante la lotta di Liberazione.

Di seguito il tema e il link ai video:

25 𝒂𝒑𝒓𝒊𝒍𝒆 2021 - 76° Anniversario della Liberazione

Le “Voci” della Resistenza raccontano: Louis Chabas, detto Lulù (1924-1945)

I doglianesi Carlo Dellaferrera, Gianni Seghesio, Gianni Oderda, Oris Oderda, Cesare Schellino e Aldo Devalle raccontano il mito del partigiano francese Louis Chabas, detto Lulù.

Link al video: https://youtu.be/nm__JJHy_W4

 Le “Voci” della Resistenza raccontano: l’eccidio della Martina di Dogliani del 16 novembre 1944

Gianmario Sardo ripercorre i tragici eventi del 16 novembre 1944 presso la frazione Martina di Dogliani, durante i quali 8 civili vengono trucidati dai nazisti durante un rastrellamento operato contro le formazioni partigiane dai tedeschi della 34a Divisione e dai fascisti del Raggruppamento “Cacciatori degli Appennini”. Nell’episodio perderà la vita suo nonno, Francesco Sardo e i suoi due figli, Giuseppe e Mario.

 

Link al video: https://youtu.be/IhVVOhclKYs

 

Le “Voci” della Resistenza raccontano: le storie, le motivazioni e il significato della scelta partigiana nella Langa doglianese

Le voci di tre partigiani: Piero Fagiolo Lanza (che ricorda il padre, il dottor Mario Lanza, medico e anch’egli partigiano), il francese Daniel Fauquier e Carlo Altare raccontano le motivazioni, le emozioni e il significato profondo della scelta partigiana.

 

Link al video: https://youtu.be/2c_h3Nvsdj4

 

Un momento ufficiale di commemorazione, in forma ridotta e privata, si terrà da parte dell’Amministrazione, domenica 25 aprile a partire dalle ore 11,15 quando il sindaco renderà omaggio, alle lapidi dei partigiani delle Langhe e delle vittime del bombardamento del 31 luglio 1944 e al cippo in memoria dei Caduti dell’eccidio della Martina del 16 novembre 1944.

 

Cervasca

Anche quest'anno Cervasca festeggerà il  25 Aprile con il suo Cammino della Libertà, giunto alla settima edizione grazie  come sempre all'associazione culturale  Vivere Cervasca  O.d.V  e al gruppo Alpini e da quest'anno con la collaborazione dell'Istituto comprensivo di Cervasca. Il tema "Nostalgia di liberazione". Sarà un percorso breve ma intenso, un cammino che si delineerà per soli 700 metri dal palazzo comunale alle scuole, all'anfiteatro per concludersi nell'area cimiteriale. 
La novità sarà un'esposizione collettiva di testi, poesie, disegni, riflessioni sul tema Libertà in senso lato non solo incentrata su la Giornata della Liberazione, contestualizzato anche nell'attuale periodo storico. Gli scritti pervenuti all'Associazione sono stati a sorpresa parecchi, autori di diversa età, dai ragazzi coinvolti dalla scuola Media agli adulti. 
L'invito  sarà per domenica 25 aprile dalle 14,30 alle 18,30 davanti al municipio nel pieno rispetto delle regole anti- covid si potranno "liberamente" conoscere e leggere i frutti di questa importante iniziativa.

 

 

 

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium