Attualità - 09 maggio 2021, 09:34

All’ospedale "Santa Croce" una speciale festa della mamma: nella Terapia Intensiva Neonatale arriva la Banca del Latte Umano Donato

I frigoriferi della Blud donati dall’associazione “Voglia di crescere Onlus”. Il dottor Andrea Sannia, primario del reparto: “Un gesto di profondo altruismo”

All’ospedale "Santa Croce" una speciale festa della mamma: nella Terapia Intensiva Neonatale arriva la Banca del Latte Umano Donato

Succede, spesso soprattutto quando nasce un bimbo prematuro. La mamma ha disposizione una maggiore quantità di latte rispetto a quella che invece, piccolino, necessita il suo bimbo. Capita anche che ci siano mamme che non possano, per varie ragioni, allattare.

Nel giorno della Festa della Mamma, un nuovo e bellissimo traguardo realizzato dall’associazione cuneese Voglia di Crescere Onlus. Nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale (Tin) dell’ospedale "Santa Croce" di Cuneo arriva la Banca del Latte Umano Donato (Blud).
Ad essere donati un frigorifero fisso, presente e a disposizione in ospedale, e uno invece da trasporto.

Il dottor Andrea Sannia, primario del reparto: "Si tratta di un latte migliore rispetto a quello artificiale. Possiede proprietà che portano indubbi e importanti benefici: per la crescita cerebrale, per quella del corpo, per il sistema immunitario. Nel caso di bimbi prematuri, in particolare per quegli estremi, funge anche da terapia. È davvero un bel traguardo per la Tin, che diversamente doveva, nell’indisponibilità anche solo per alcuni giorni del latte della mamma, dare ai bimbi il latte artificiale. Ci trovavamo anche, spesso con mamme costrette a buttare via il proprio latte. Essendo prematuri e quindi più piccolini, questi neonati hanno necessità di una minore quantità. Il latte delle mamme ora, grazie ai frigoriferi che ci sono stati donati, potrà essere conservato bene, pastorizzato e messo a disposizione. In caso di necessità, convenzionati con l’ospedale 'Sant’Anna' di Torino, potremo anche richiedere latte di Banca. Capita che una mamma che ha ricevuto latte per il suo bimbo, quando poi inizia a produrlo voglia anche lei metterlo a disposizione per aiutare altre mamme. Sapere che una mamma poteva tranquillamente buttare il suo latte, ma non ha voluto farlo… . È un gesto forte, non soltanto di solidarietà, ma di appartenenza a una comunità, a una società. Un gesto di profondo e bellissimo altruismo. Noi tutti ringraziamo di cuore 'Voglia di crescere Onlus', impegnata a nostro sostegno, con un pensiero particolare a tutti quelli che attraverso le donazioni permettono all’associazione di continuare ad operare".

Daniela Ferrero, presidente di Voglia di Crescere Onlus: "Sono due i ringraziamenti che teniamo a fare, per questa importante realizzazione. Al gruppo musicale 4Sangiu, che nell’impossibilità di tenere allo scopo un proprio concerto, ha ideato alcuni videoclip con musiche prese dal Piccolo Principe e devoluto alla nostra associazione parte del ricavato. Grazie poi alla professoressa Maria Bruna Brignone per il suo libro 'Eviriamo il virus', il cui ricavato è andato a nostro sostegno. Siamo veramente felici che anche a Cuneo ora ci sia la Banca del Latte".

Il frigorifero fisso è stato posizionato, mentre l’altro è pronto a viaggiare. Questo giorno, che per alcune mamme non è una festa, può essere, però, come quando sulla pelle si sente il calore del sole: aiuta a lottare.

Beatrice Condorelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU