/ Al Direttore

Al Direttore | 16 maggio 2021, 16:05

"La solidarietà al Israele reclama di risolvere la situazione in Medio-Oriente"

Riceviamo e pubblichiamo

Gentile Direttore,

sono fatti. Fin dall’epoca del Movimento Sociale Italiano i suoi sostenitori manifestavano solidarietà per gli eventi drammatici che colpivano lo Stato di Israele. Questa solidarietà è stata confermata più volte negli anni sia da Alleanza Nazionale che da La Destra e oggi da Fratelli d’Italia. La comunità ebraica non ha mai  dimostrato di gradire questa solidarietà, ma tant’è ………… Israele merita solidarietà e rispetto: è appassionato custode della propria storia e religione, è baluardo della civiltà occidentale e della libertà in Medio-Oriente, è sottoposto a continui attacchi alla sua esistenza come Stato, per cui garantisce la sua sicurezza reagendo decisamente e allargando i suoi confini.

A conclusione della 2a Guerra mondiale le potenze mondiali hanno stabilito il diritto di avere uno Stato per il popolo israeliano, e riconosciuto il diritto del popolo palestinese di vivere nella propria terra, ma hanno lasciato irrompere in quell’area strategica una perenne situazione di tensione e anche di guerra. Dopo i negoziati e gli accordi politici di Oslo del 1993 tra il governo israeliano e l’OLP che agiva in rappresentanza del popolo palestinese, si mirava a risolvere il conflitto arabo-israeliano. Però negli anni tali accordi sono stati disattesi ed il conflitto non è stato risolto. Uno Stato palestinese non esiste, ma vi è una presenza di quella popolazione che si autogoverna, oggi guidata da Hamas, nella striscia di Gaza e in parte della Cisgiordania. L’Onu, le grandi potenze, come sempre assistono inerti. Così Hamas, organizzazione internazionalmente riconosciuta come terroristica, compie le sue azioni distruttive che suscitano generale condanna, mentre Israele, cui va la nostra reale solidarietà, reagisce in maniera dura e indiscriminata che solleva censura da più parti.

In questa situazione drammatica e sempre esplosiva che deve essere risolta, le vere vittime, cui va rivolta pressante attenzione, sono la maggioranza delle popolazioni israeliane e arabe, ebrei e musulmani che vogliono vivere  e lavorare necessariamente insieme in pace e sicurezza e che non vanno abbandonate a sè stesse. 

Ringraziamo per l’attenzione.

 

 Paolo Chiarenza, Guido Giordana, Luca Ferracciolo, Gian Michele Pellerino, Denis Scotti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium