/ Curiosità

Curiosità | 23 maggio 2021, 17:08

Il sentiero del Lupo, uno dei più evocativi di Montà

11 km di percorso su terreno sabbioso e sterrato, fra sali e scendi, in mezzo a campagne coltivate e vigneti, splendide Rocche e affascinanti castagneti secolari. La partenza ora è da piazza Vittorio Veneto (dove è possibile parcheggiare l'auto), andando a raggiungere il borgo di sommità e il Castello Morra Lavriano

Il sentiero del Lupo, uno dei più evocativi di Montà

Il sentiero del Lupo a Montà ha cambiato itinerario. Il percorso iniziale ora parte da piazza Vittorio Veneto, dove è possibile parcheggiare l'auto (escludendo il primo tratto su asfalto lungo la strada provinciale 168 in direzione della frazione San Rocco) andando a raggiungere il borgo di sommità e il Castello Morra Lavriano. Giunti al centro Outdoor Valle delle Rocche, il percorso coincide nel primo tratto con il sentiero del castagno.

11 km di percorso su terreno sabbioso e sterrato, fra sali e scendi, in mezzo a campagne coltivate e vigneti, splendide Rocche e affascinanti castagneti secolari.  Il sentiero del Lupo è stato tracciato e modificato dall'Ecomuseo delle Rocche del Roero, per venire incontro all'esigenza di avere dei percorsi il più possibile a contatto con la natura.

Il sentiero del Lupo lungo così chiamato per via del toponimo della borgata isolata che attraversa (Caialupo), lungo la via che serpeggia l'austero bosco, era già noto già ai tempi dei romani come silva popularis. Il lupo è stato una presenza storica importante in Piemonte, dove l'animale ha vissuto una stagione di proliferazione dal 1600 in poi su tutto il territorio regionale, ma che ha visto l'estinzione dei branchi con il passare dei secoli a causa della graduale antropizzazione delle campagne. Del lupo, ne resta comunque la presenza ancorata all'immaginario collettivo delle comunità.

E' uno dei 5 sentieri tematici ad anello presenti a Montà d'Alba. Come tutti quanti è segnalato da cartellonistica ed ha un unico senso di percorrenza. Un tratto del sentiero è impegnativo per un utilizzo in mountain bike, occorre trasportare la bicicletta a spinta. Si raccomanda sempre di munirsi della cartina, di dotarsi di scarpe adatte alle escursioni su fondi sconnessi, eventuale bastone o racchette da escursionismo, ed è consigliabile portarsi nello zainetto dell'acqua da bere e una barretta energetica.

"È uno dei percorsi tematici più evocativi del territorio di Montà e tra i più richiesti - spiegano Olga e Valentina dell'ufficio turistico Ecomuseo delle Rocche del Roero - per via del dislivello modesto e per la presenza di un notevole numero di castagni storici, immersi in ampi prati silenziosi. Il tema del lupo, di cui sono presenti antichi toponimi, attrae anche le famiglie con i bambini e non da ultimo si passa sul punto più alto del paese di Montà, bric Torniola". 

Tiziana Fantino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium