/ Attualità

Attualità | 31 maggio 2021, 10:10

Da domani riaprono i ristoranti al chiuso e si torna a consumare al bancone del bar

Non ci sarà il limite dei quattro commensali non conviventi al tavolo. Al via anche gli eventi sportivi in presenza, con numeri limitati. Da oggi tre regioni in zona bianca

Da domani riaprono i ristoranti al chiuso e si torna a consumare al bancone del bar

Da domani primo giugno, in zona gialla, riapriranno i ristoranti al chiuso e si tornerà a consumare al bancone dei bar. Una buona notizia per quei ristoratori che non hanno spazi all'aperto e soprattutto per quelli che hanno i locali in zone collinari o montane, dove mangiare all'aperto, in particolare in questa primavera caratterizzata da piogge e temperature basse, è risultato pressoché impossibile.

Saltato il limite dei 4 commensali non conviventi che possono stare seduti allo stesso tavolo.

Bar e ristoranti dovranno definire il numero massimo di presenze in relazione ai volumi di spazio e ai ricambi d'aria. Va assicurato il mantenimento di almeno 1 metro di distanza tra i clienti di tavoli diversi. Mascherina non obbligatoria quando si sta seduti, mentre quando ci si alza in piedi va indossata. 

Sempre da domani li eventi sportivi all'aperto potranno accogliere di nuovo gli spettatori, anche se in numero limitato: massimo il 25% della capienza e massimo 1.000 persone.

La road map delle riaperture prevede che dal 7 giugno il coprifuoco venga spostato a mezzanotte, mentre dal 15 giugno via ai matrimoni, riapriranno i parchi tematici e potranno ricominciare i congressi.

Il 21 giugno è prevista l'abolizione del coprifuoco, in concomitanza con l'avvio dell'estate. Dal 1° luglio potranno ripartire anche le piscine al chiuso, le sale giochi, i centri benessere, i centri termali e gli eventi sportivi al chiuso.

Da oggi 31 maggio l'Italia inizia gradualmente a colorarsi di bianco: Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Qui possono riaprire tutte le attività chiuse – tranne le discoteche – e viene abolito il coprifuoco. Uniche regole da seguire: distanziamento, la mascherina e il rispetto dei protocolli di sicurezza nelle varie attività.

Dal 7 giugno anche Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto dovrebbero tornare in zona bianca, mentre il Piemonte guarda al bianco dal 14 giugno, anche se il presidente Cirio, venerdì scorso, ha parlato del giorno 11, data in cui saranno passate tre settimane di contagi inferiori ai 50 ogni 100mila abitanti.

bsimonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium