/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

lunedì 13 settembre
lunedì 06 settembre
lunedì 30 agosto
lunedì 23 agosto
lunedì 16 agosto
lunedì 09 agosto
lunedì 02 agosto
lunedì 26 luglio
lunedì 19 luglio
lunedì 12 luglio

Il Punto di Beppe Gandolfo | 07 giugno 2021, 07:00

Industria e salute: inconciabili?

"Da sempre lavoro e salute sembrano – in questa nostra società – essere in conflitto. La storia dell’Acna di Cengio, negli Anni Settanta, ne è l’esempio lampante"

Industria e salute: inconciabili?

"Se rimane a lavorare ancora qualche mese in quella boita, lei ci lascia le penne…".

Risuonano ancora nelle mie orecchie le parole che il nostro medico di famiglia rivolse a mio padre che – sebbene cardiopatico – aveva trovato occupazione solamente in una piccola fonderia. Grazie all’ aiuto del parroco, mio papà fu assunto come bidello in una scuola media e visse ancora sereno per una trentina d’anni.

Da sempre lavoro e salute sembrano – in questa nostra società – essere in conflitto. La storia dell’Acna di Cengio, negli Anni Settanta, ne è l’esempio lampante. Da un lato il pericolo di perdere il posto di lavoro degli operai, dall’altra la tutela dell’ambiente, del fiume e della Valle Bormida. Quel corso d’acqua era diventato uno scolo puzzolente e color catrame per gli scarichi dell’impresa chimica del Savonese: ci furono manifestazioni, scontri, battaglie durissime che parevano eterne, ma alla fine si trovò la soluzione e ora il Bormida scorre lento, con le acque limpide. Ma quanti morti di cancro si debbono contare in questi decenni…

Sono passati 50 anni e le vicende dell’Eternit di Casale Monferrato o dell’Ilva di Taranto – con le ultime sentenze – dimostrano che nulla è cambiato sotto il sole.

Pare impossibile far coincidere il lavoro con la tutela dell’ambiente e della salute di chi vive attorno alle fabbriche. È incredibile che, nonostante tutte le scoperte scientifiche, non si riesca ad avviare alcuni tipi di produzioni – per fortuna non tutte! - salvaguardando la vita dei cittadini. Siamo andati sulla Luna ma stiamo uccidendo la Terra.

O forse è solo questione di investimenti. Produrre tenendo conto della sicurezza ambientale costa di più? Ma qualcuno ha fatto i conti sui costi del risanamento e soprattutto della salute della gente?

Beppe Gandolfo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium