/ Attualità

Attualità | 08 giugno 2021, 10:07

Presentato il tempo estate 2021 di Cuneo: 40 diversi soggetti realizzeranno attività per i giovani fino ad agosto

L'illustrazione del piano di lavoro si è tenuta ieri (7 giugno) davanti alle commissioni I^, V^ e VI^; Manassero: "Quest’anno si mette in campo un’offerta varia e interessante ma quel che si fa davvero con questo tempo estate è cominciare a lavorare, nel mondo post-pandemico, sui nuovi “tempi della vita”"

Foto generica

Foto generica

Tornerà anche quest’anno il tempo estate, il servizio che l’amministrazione comunale di Cuneo mette a disposizione delle famiglie durante i mesi di chiusura delle scuole. L’organizzazione e le novità dell’edizione 2021 sono state presentate ieri sera (lunedì 7 giugno) alle commissioni I^, V^ e VI^ dalle assessore Franca Giordano e Cristina Clerico.

A realizzare le attività di quest’anno saranno 40 gestori tra parrocchie, cooperative, scuole materne e paritarie, gruppi sportivi e associazioni – l’anno scorso “solo” in 25 avevano risposto all’avviso pubblico diramato dal Comune - , che andranno a formare una rete  rivolta alle esigenze della più ampia fascia di ragazzi possibile. Con loro, l’amministrazione ha realizzato a metà maggio un incontro in cui si sono analizzate le esperienze del 2020, fornito indicazioni operative e sulle tempistiche e raccolto le loro richieste: il 2 giugno, a seguito delle ultime linee guida diramate dalla Regione, si è tenuto un nuovo incontro. Il 31 maggio sono state concluse le assegnazioni.

Il servizio sarà rivolto alle fasce di età dai tre ai sei anni – con le attività di cooperative, associazioni e scuole paritarie – e dai sei ai diciassette. I nidi comunali verranno tenuti aperti sino al 30 luglio, e uno di essi rimarrà attivo anche ad agosto.

L’amministrazione comunale metterà a disposizione i servizi di protezione individuale e di igienizzazione, conferirà ai soggetti gestori diverso materiale per portare a termine le varie attività e ottempererà al fabbisogno di spazi, quelli delle palestre e delle scuole ma conservando grande attenzione per quelli verdi e all’aperto. Confermata la gratuità dell’iscrizione alle attività per i giovani con disabilità, è stato esteso a 25 ore a settimana il servizio di assistenza all’autonomia.

Facendo tesoro della sollecitazione del consiglio comunale e dell’esperienza dell’anno scorso abbiamo stabilità il piano del tempo estate 2021 – ha sottolineato Giordano - . Come novità, quest’anno,  s’interverrà sul servizio mensa con un contributo di tre euro per pasto, che  verrà riconosciuto anche se i gestori dovessero utilizzare servizi diversi da quello, contrattualizzato con il Comune, della Markas. Confermeremo, poi, il servizio di trasporto pubblico con Grandabus al prezzo concordato di 58 euro. Affrontiamo un tempo nel quale dobbiamo restituire ai ragazzi occasioni di socializzazione e confronto, specie all’aperto: lo scopo è sì sostenere le famiglie, ma anche andare a cancellare gli strascichi del tempo d’isolamento dovuto alle fasi pandemiche”.

Dello stesso avviso anche Clerico: “Abbiamo lavorato sulla falsariga di quel che di buono è stato fatto lo scorso anno, con l’idea di combattere la frammentazione sociale e il senso di difficoltà nelle occasioni di incontro, confronto e socialità – ha aggiunto - . Punteremo di nuovo sulla “formazione Covid” per i gestori dei servizi, sostenendo i vari soggetti anche a livello fiscale. Andremo poi ad agire, in un secondo momento, con il supporto concreto agli operatori e alle varie dinamiche sociali ed educative. Realizzeremo laboratori specifici nelle biblioteche e nei musei cittadini e coinvolgeremo anche, grazie a una collaborazione con Conitours, le guide turistiche che porteranno i ragazzi alla scoperta del territorio e della città: il mondo di oggi e di domani privilegia e privilegerà sempre le realtà che possono servirsi di reti solide nel programmare e gestire le proprie attività”.

Dall’inizio della pandemia c’è stata corale richiesta d’attenzione, città, verso la fascia bambini/ragazzi, con motivazioni forti che stanno emergendo in questi mesi anche da esperti del settore: abbiamo instaurato una discussione di livello, per la quale ringrazio le colleghe e i consiglieri intervenuti – ha concluso l’assessora e vicesindaco Patrizia Manassero - . Quest’anno si mette in campo un’offerta varia e interessante ma quel che si fa davvero con questo tempo estate è cominciare a lavorare, nel mondo post-pandemico, sui nuovi “tempi della vita”: l’estate  s’inserisce all’interno di un anno scolastico-lavorativo e non può più essere gestito come in passato”.

simone giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium