/ Solidarietà

Solidarietà | 09 giugno 2021, 08:07

Grazie alle mascherine confezionate da 260 sarte, Benevagienna dona una vettura all'Asl CN1

Sarà a servizio del Distretto di Fossano-Savigliano. Donata dal Comune a seguito della raccolta di fondi con il progetto “Aiutaci ad aiutarti”

Una Panda in dono all'USCA dal comune di Bene Vagienna

Una Panda in dono all'USCA dal comune di Bene Vagienna

Un’auto, più precisamente una FIAT Panda, è stata donata dall’amministrazione comunale di Bene Vagienna ai medici dell’Unità Speciale di Continuità Assistenziale (USCA). E’ il risultato di un progetto lanciato nella primavera 2020, a inizio pandemia, quando la richiesta di mascherine, o più in generale di dispositivi di protezione individuale, era troppo elevata da poter essere soddisfatta completamente.

L’iniziativa ha richiesto il lavoro di numerose sarte e volontari che si sono impegnati nel tagliare, cucire e portare a domicilio mascherine. Al progetto avevano aderito diversi comuni del fossanese come Genola, Salmour, Sant’Albano Stura, Trinità e appunto Bene Vagienna che dall'iniziativa ha ricavato 22 mila euro, soldi in parte utilizzati per l’acquisto della vettura.

“Nel corso della pandemia – ha spiegato il primo cittadino benese Ambrogio – 260 sarte in smart working hanno prodotto mascherine, merce di difficile reperimento soprattutto nella prima ondata."

“Ricordiamo che l’amministrazione comunale ha organizzato le vaccinazioni a Bene Vagienna degli over 80 -70-60 per facilitare alle persone più anziane la partecipazione alla campagna vaccinale. Tutto questo è stato possibile grazie ai numerosi volontari che hanno contribuito all'iniziativa”, recita il comunicato rilasciato dal comune di Bene Vagienna.

“Per tanto si ringrazia la.protezione civile di Bene Vagienna , i vigili del fuoco di Fossano , la Croce Bianca di Fossano , il personale della casa di riposo di Bene Vagienna , il personale dipendente del comune di Bene Vagienna le sarte che hanno cucito le mascherine, i volontari che hanno tagliato il tessuto e portato a domicilio le mascherine." 

“Un grazie va anche ai medici di base, il dottor Grechi e il dottor Palmieri che hanno vaccinato e grazie a tutti coloro che a vario titolo hanno collaborato al compimento di questa splendida iniziativa. Ringraziamo la dottor Chiozza, il dottor Brugaletta e la dottoressa Pesce dell'ASL per la splendida collaborazione.”

SF

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium