/ Politica

Politica | 10 giugno 2021, 15:34

Agroalimentare, Lega: "Approvata nostra proposta che impegna Governo per Made in Italy contro nutriscore"

I senatori della Lega firmano una mozione a difesa del Made in Italy

Bergesio

Bergesio

“Grazie all’insistenza della Lega c’è l’impegno del Governo a difendere il settore del Made in Italy e le nostre eccellenze agroalimentari, contrastando qualsiasi iniziativa discriminatoria nei confronti della dieta mediterranea e difendendo la salute dei consumatori da sistemi di etichettatura fuorvianti come il nutriscore.

Un indirizzo chiaro per promuovere interventi che tutelano non solo la salute dei cittadini ma anche una filiera strategica per il nostro Paese, che vale oltre 522 miliardi e rappresenta oltre il 25% del PIL nazionale.    

Questa approvazione dimostra la concretezza della Lega al Governo, determinante per incidere nell’azione dell’esecutivo ed ottenere risultati che non avremmo mai potuto raggiungere stando all’opposizione”.

Lo dichiarano in una nota i senatori della Lega firmatari della mozione a difesa del Made in Italy: Giorgio Maria Bergesio (capogruppo commissione Agricoltura e primo firmatario), Maria Cristina Cantù, Gianfranco Rufa, Rosellina Sbrana, Gianpaolo Vallardi, Cristiano Zuliani.

“Gli standard di qualità del Made in Italy sono così alti da innescare  una pericolosa idea di eliminare o limitare la fastidiosa presenza dei prodotti alimentari italiani nel mondo - ha affermato il senatore Bergesio nella sua dichiarazione di voto -. E' nato un attacco frontale senza vergogna al nostro stile alimentare, alla nostra dieta che si basa su tutela dell'ambiente, etica, salute e condivisione.

Ci sono i gruppi multinazionali e le potenze economiche dietro tutto questo, perchè consapevoli che chi è padrone della "fame" sarà il padrone del mondo”.

“Noi vogliamo impegnare il Governo ad assumere ogni opportuna iniziativa affinché venga accolta, a livello europeo, una posizione che coincida con la necessità di tutelare le denominazioni, confermando il divieto di poterne estendere l’impiego alle carni o al latte, e agli alimenti da questi derivati, che non hanno un'origine animale ma vegetale o addirittura sintetica, valorizzando e promuovendo le eccellenze agroalimentari del made in italy.

E chiediamo di attivarsi al fine di concordare con i Ministeri interessati una campagna di promozione, che si articoli su tutto il territorio nazionale e che culmini in un evento finalizzato ad attrarre nuovi potenziali consumatori internazionali e a rafforzare il connubio tra l'enogastronomia e il turismo”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium