/ Curiosità

Curiosità | 10 giugno 2021, 18:08

Boschi e vista sulle cime della Valle Grana: il nuovo sentiero Rocca dell'Ula

Ripulito e dotato di segnaletica dal Comune di Monterosso Grana insieme a volontari, torna a rivivere in tutta la sua bellezza tra panorami mozzafiato, per offrire un'ampio respiro al benessere della mente e della salute

Boschi e vista sulle cime della Valle Grana: il nuovo sentiero Rocca dell'Ula

Ripulito e dotato di nuove tracce dal comune di Monterosso Grana insieme ad alcuni instancabili volontari, ritorna ad essere percorribile il sentiero, che porta alla Rocca dell'Ula, conosciuta come l'Ensizo.

La partenza è dallo storico Castello di Monterosso Grana a 720 m di altitudine, facilmente individuabile con segnaletica dotata di tutte le indicazioni sulla percorribilità per raggiungere i (1397 m di Rocca dell'Ula). I primi dieci minuti di percorso sono su un tracciato leggermente ripido che raggiunge e attraversa la verdeggiante Borgata La Rossa offrendo alcuni punti panoramici. Prosegue poi su un tratto di strada asfaltata secondaria dove si arriva a Borgata Colletto immersa nei boschi, e con una fontana per abbeverarsi. Di qui si imbocca un sentiero che seguendo le indicazioni arriva fino alla Rocca dell'Ula: promontorio roccioso, altamente panoramico, offre una veduta spettacolare sulle cime dell’alta Valle Grana da un lato e su tutta la pianura dall'altro.

Classificato con difficoltà (E), dislivello 750 m, lunghezza di 4,5 km e tempo di percorrenza 2,30, il sentiero dell'Ula presenta alcune salite alternate a percorsi pianeggianti. Non si tratta di un itinerario particolarmente difficile, ma l’ultimo tratto non deve essere sottovalutato, piuttosto essere affrontato con la giusta attenzione e con abbigliamento e calzature adeguate. Proprio il rapporto tra sviluppo lineare e altimetria lo rende un itinerario da non affrontare alla prima uscita, mentre sarà meta molto apprezzata da chi cammina abitualmente.

Il sindaco di Monterosso Grana, Mauro Martini: "Ringrazio tutti coloro che si sono adoperati per riaprire e rendere accessibile questo sentiero, già esistente da alcuni anni, ma che necessitava di un intervento di pulizia e sistemazione. Come Municipio abbiamo fornito tutto il materiale necessario e la cartellonistica da posizionare lungo il tracciato, mentre gli amministratori insieme ai volontari hanno offerto il loro tempo prezioso per sistemare al meglio il percorso e renderlo sicuro. Voglio ringraziare in particolare: Dario, Ezio, Nadia, Marco, Anna e all'A.I.b. della Bassa Valle Grana".

Tiziana Fantino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium