/ Attualità

Attualità | 12 giugno 2021, 19:30

Nel 2022 Alba - con Langhe, Monferrato e Roero - accoglierà la Global Conference on Wine Tourism (VIDEO)

Ad annunciarlo, dal palco del Teatro Sociale Busca, il ministro del Turismo Garavaglia. Per Cirio, che ipotizza anche un rilancio del casello autostradale di Montezemolo, ora si punta a "poter lavorare, poter accogliere i turisti e preparare i grandi eventi"

Da sinistra: Emanuele Bolla, Alberto Cirio, Massimo Garavaglia, Carlo Bo e Luca Ferrua

Da sinistra: Emanuele Bolla, Alberto Cirio, Massimo Garavaglia, Carlo Bo e Luca Ferrua

Saranno le Langhe, il Monferrato, il Roero e la Città di Alba a ospitare, nel 2022, la Global Conference on Wine Tourism, il più importante forum mondiale dedicato al turismo enologico. La World Tourism Organization, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa della promozione del turismo sostenibile e responsabile, ha scelto l’Italia per la sesta edizione del prestigioso evento internazionale.

A dare l’annuncio ufficiale è stato oggi, sabato 12 giugno, il ministro del Turismo Massimo Garavaglia che ha incontrato le istituzioni del territorio al Teatro Sociale. Ad accoglierlo sul palco il presidente della Regione Alberto Cirio, il sindaco di Alba Carlo Bo, il presidente dell’Atl Langhe Monferrato Roero Luigi Barbero e il presidente del consorzio Piemonte Land of Wine Matteo Ascheri, le quattro realtà che insieme hanno promosso la candidatura del Piemonte.

Il ministro Garavaglia, che ha dichiarato di non aver avuto alcun dubbio nel firmare la candidatura, ha parlato di una ripartenza che questa volta non dovrà più subire battute d’arresto e del grande investimento che occorre ora fare per la riqualificazione delle strutture ricettive, per la sostenibilità non solo ambientale, ma anche nella distribuzione dei flussi turistici e per la rivoluzione digitale del turismo italiano. "Nel 2019 il valore economico generato dai turisti stranieri in Italia è stato di 27 miliardi di euro: puntiamo a ripartire facendo un terzo di quel risultato, che sarebbe già straordinario. Nel Recovery Plan abbiamo previsto 2,4 miliardi di euro, che diventeranno 3, per riportare al top la qualità della nostra offerta turistica".

Intervistato dal giornalista Luca Ferrua, moderatore dell’incontro, il Governatore Cirio ha affermato che la priorità adesso è una sola: portando avanti la campagna vaccinale (che dal 16 giugno vedrà immunizzati residenti e lavoratori dell montagna, "perché Elva, Macugnaga o Alagna non sono diverse da Capri"), si punta a poter lavorare, poter accogliere i turisti e preparare i grandi eventi come la Global Conference on Wine Tourism.

Il presidente Cirio promuove la politica regionale relativa ai voucher, con tre notti al prezzo di una: "Avevamo stanziato 5 milioni di euro, cui ne abbiamo poi aggiunti 1,5, offrendo 40.000 voucher, che porteranno a 240.000 presenze sul territorio piemontese, che genereranno un indotto veramente importante per tutte le imprese che lavorarno sul nostro territorio".

Per Barbero siamo pronti a tornare al più presto ai livelli del 2019, anno record con arrivi da oltre 70 Paesi nel mondo, mentre Ascheri, portando la testimonianza dei produttori vitivinicoli, si è soffermato sull'impegno del comparto a lavorare per una crescente sostenibilità del settore, producendo vini in modo sempre più "pulito" ed etico.

Istituita nel 2016, la prima edizione del simposio internazionale si è tenuta a Kakheti in Georgia, nel 2017 a Mendoza in Argentina, nel 2018 a Chisinau in Moldavia, nel 2019 nella Valle De Colchagua in Cile. La quinta edizione si sarebbe dovuta tenere in Portogallo nel 2020, ma è stata posticipata al 2021 per la pandemia. All’evento ogni anno partecipano ministri del Turismo, Dmo (Destination Management Organisations), organizzazioni internazionali e intergovernative, tour operators, esperti di vini e giornalisti.

Il lavoro lungimirante fatto negli anni dai sindaci e dalle istituzioni di Langhe, Monferrato e Roero ha portato a prestigiosi riconoscimenti, uno su tutti l’essere stati dichiarati Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco per i nostri paesaggi vitivinicoli – dichiara il sindaco Carlo Bo –. Nel 2022 saranno ancora una volta protagonisti dell’offerta enoturistica che andremo a raccontare in occasione della Global Conference, una delle più importanti vetrine mondiali. Il comparto dell’enoturismo italiano vale 2,65 miliardi di euro e rappresenta una straordinaria ricchezza per il nostro territorio. Alba farà tutto il necessario per valorizzare questa opportunità storica”.

L’assessore al Turismo Emanuele Bolla: “Durante la pandemia abbiamo lavorato per poter assicurare una ripresa turistica non appena fosse stato possibile, in stretto contatto con la Regione, l’Atl, i Consorzi, il Ministero e l’Agenzia delle Nazioni Unite che organizza la Global Conference. Ringrazio chi ha lavorato per mesi a questo risultato con fatica e meticolosa dedizione e le istituzioni con cui collaboreremo per creare un ricco calendario di appuntamenti che ci accompagni alla Global Conference di settembre 2022”.  

Nel corso dell'incontro, spunti interessanti sono arrivati anche relativamente a un rilancio del casello autostradale di Montezemolo, lungo la A6 Torino-Savona, che per Cirio potrebbe costituire la porta delle Langhe per chi arriva dalla Costa Azzurra, oltre che per gli appassionati di mototurismo.

Pietro Ramunno

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium