/ Politica

Politica | 16 giugno 2021, 15:08

Crisi di maggioranza ad Alba, parla Magara: «Nulla di "politico" nella mia uscita dall’aula»

L’esponente di Alba Liberale getta acqua sul fuoco sul caso aperto in Consiglio e nega la presenza di un disegno dietro la sua decisione di abbandonare la seduta di ieri sera: "Fuori per un imprevisto, avrò modo di chiarirmi col sindaco"

Il sindaco Carlo Bo, tra l'assessore Ferrero e il presidente del Consiglio comunale Boeri, durante la seduta di Consiglio in corso in questi minuti in municipio

Il sindaco Carlo Bo, tra l'assessore Ferrero e il presidente del Consiglio comunale Boeri, durante la seduta di Consiglio in corso in questi minuti in municipio

Nulla di politico e nemmeno di voluto, ma "un incidente di percorso", poi sfociato nella classica "tempesta in un bicchier d’acqua". Così Olinto Magara derubrica a involontario sinistro quanto accaduto nel corso della seduta di ieri sera del Consiglio comunale albese, quando la sua uscita in sordina dall’aula, insieme a quella della collega Maria L’Episcopo e alle assenze in qualche modo previste e giustificate di Daniele Sobrero (poi arrivato a seduta ormai sospesa), Mario Fugaro (fuori regione  per lavoro) e Ylenia Cane (anche lei trattenuta da impegni lavorativi) hanno consentito alla minoranza di Uniti per Alba di fare mancare il numero legale, il quorum minimo di 13 consiglieri necessari per il proseguimento dell'assemblea in prima convocazione, aprendo in qualche modo la crisi poi certificata con amarezza dal sindaco Carlo Bo.

A gettare acqua sul fuoco sull’inciampo della maggioranza che dal maggio 2019 governa la città è proprio Magara, che a rigore ha marcato visita pure alla seduta in seconda convocazione che mentre scriviamo è ancora in corso di svolgimento dalla Sala "Teodoro Bubbio" del municipio, dove curiosamente sono nuovamente assenti anche L’Episcopo e Cane.

Raggiunto telefonicamente dal nostro giornale, l’esponente di Alba Liberale nega l'esistenza di una problematica politica, alla base di quanto accaduto, mentre non fornisce la propria versione di quanto dal suo punto di vista sarebbe in realtà accaduto ieri sera, durante i minuti nei quali il suo telefono risultava irraggiungibile alle chiamate partite dai colleghi di maggioranza una volta compreso che la sua uscita avrebbe aperto una crepa sulla tenuta della coalizione.

"Ho ricevuto una chiamata urgente, per un imprevisto – spiega Magara – per cui molto semplicemente mi sono dovuto assentare. Ma davvero non pensavo che ne nascessero questi problemi. Capita di dover uscire dall’aula, è normale, è la prassi che qualcuno manchi, che altri escano e rientrino. Certo sono dinamiche che andrebbero gestite…".

Nulla di politico, quindi?
"Assolutamente no, sono cose che capitano, eravamo in cinque a mancare, peraltro, in una seduta convocata per la prima volta di persona dopo quasi un anno. C’erano altri consiglieri che dovevano arrivare, ma io non posso sapere cosa fanno gli altri… . Forse come maggioranza potevamo coordinarci meglio, questo sì, ma davvero non c’era l’intenzione di creare problemi. Non ho nulla contro il sindaco, nulla di personale e nemmeno di politico".

Riferiscono di averla cercata, ma che risultasse irreperibile.
"Ero in una zona nelle Langhe, non avevo possibilità di rispondere…".

Si è chiarito col sindaco?
"Gli ho mandato un messaggio spiegandogli quello che mi è successo. Capisco benissimo il suo sfogo, con tutte le difficoltà che può aver avuto, dopo un anno come questo, in una posizione che prevede responsabilità enormi e gratificazioni infime. E comprendo bene che incidenti di questo tipo possano essere equivocati, sono situazioni spiacevoli… ma bisogna andare avanti. Anche oggi avevo impegni improrogabili, ho avvisato che non potevo presenziare, sempre per impegni di lavoro".

Le ha risposto?
"Al momento non ancora, ma sono sicuro che avremo modo di chiarirci".

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium