/ Viabilità

Viabilità | 24 giugno 2021, 17:25

L'uso delle ferrovie contro il cambiamento climatico: Cavallermaggiore sostiene la legge regionale

Sull'ipotesi di convertire i binari della Bra-Cavallermaggiore in una pista ciclabile, il sindaco fuga ogni dubbio: "Per noi la ferrovia è ferrovia, di lì deve passare il treno"

L'uso delle ferrovie contro il cambiamento climatico: Cavallermaggiore sostiene la legge regionale

Approvata nel Consiglio comunale di ieri a Cavallermaggiore, la proposta di sostengo alla legge regionale “Disposizioni per l'utilizzo delle infrastrutture ferroviarie del Piemonte a sostegno del bisogno di mobilità sostenibile e come politica di contrasto ai cambiamenti climatici” presentata dal Partito dei Verdi. 

 

"L'abbiamo fatta nostra - ha spiegato il sindaco Davide Sannazzaro - perché il tema della Bra Cavallermaggiore esiste. Non sono stati rimessi i treni, i pullman intasano il viale della stazione in modo importante, l’utenza è calata in modo significativo, non servono numero per vedere che i bus sono sempre vuoti e la gente preferisce spostarsi in macchina". 

 

L'aumento del traffico ha ripercussioni sull'inquinamento in paese, in particolare nei pressi della ferrovia, riqualificata prima del lockdown e pressoché inutilizzata.

 

 

"Con il consigliere Demaria di Bra, il sindaco di Savigliano e il sindaco di Saluzzo, stiamo lavorando a un progetto insieme a Bus company, Polito e Alstom per mobilità alternative perché uno dei problemi della sostenibilità della linea è che il Minuetto era diesel e doveva rifornirsi a Chivasso ogni giorno. Il prezzo treno è di 14 euro al km contro 1,50 ero al km del biglietto del pullman, il che non lo rendeva competitivo a fronte dei flussi". 

 

"Stiamo cercando di pensare a progetti alternativi come sull’elettrico o batteria, abbiamo scartato per il momento l’idrogeno". 

 

Il Consiglio comunale ha votato all'unanimità il sostegno alla legge regionale perché appunto all'interno è contenuta anche la Bra-Cavalleramggiore. 

E sulla possibilità di convertire la linea ferroviaria in una pista ciclabile, il primo cittadino coglie l'occasione per fugare ogni dubbio: "Per noi la ferrovia è una ferrovia. Lì ci passa il treno, le piste ciclabili si possono fare in altri posti". 

 

 

 

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium