/ Economia

Economia | 30 giugno 2021, 08:01

Crescono export e ordini, scende la cassa integrazione. A Cuneo gli indicatori migliori del Piemonte

Marsiaj:"Superata emergenza, dare a fase espansiva basi solide. La Gigafactory un must, non dobbiamo perdere questa opportunità"

Tramite Unsplash

Tramite Unsplash

Crescono l’export e gli ordini, diminuisce il ricorso alla cassa integrazione, aumentano le imprese che hanno in programma investimenti. Dopo le difficoltà e le incertezze legate alla pandemia, le imprese guardano con più fiducia al futuro: è questo il quadro che emerge dall’indagine congiunturale trimestrale di Confindustria Piemonte e Unione Industriale Torino su 1.200 imprese.

Nel manifatturiero il 30% aziende prevede aumento della produzione

Nel manifatturiero, il 30.5% delle aziende prevede un aumento della produzione e degli ordini. In forte accelerazione l’export, che guadagna 11 punti. Spicca l’ottima performance della metalmeccanica, in particolare nei comparti dei prodotti in metallo e della meccatronica.

Bene alimentare, gioielli e giocattoli. In recupero il tessile-abbigliamento, così come le attese delle imprese chimiche e della gomma-plastica. Si consolidano le aspettative di edilizia e indotto.

A Cuneo i valori miglio

A livello territoriale, le previsioni si rafforzano in tutte le aree. Il miglioramento degli indicatori è particolarmente marcato a Cuneo (+16 punti rispetto a marzo), Asti (+15 punti), Alessandria (+13 punti), Novara (+12 punti). Bene anche Vercelli e Verbania. A Torino le attese si mantengono positive ma con indicatori più prudenti rispetto alla media regionale. Un caso a parte è Biella: sulla spinta del comparto della moda i saldi ottimisti-pessimisti ritornano al di sopra del livello di equilibrio tra espansione e contrazione dell’attività dopo oltre tre anni.

Migliora il clima di fiducia per commercio, informazione e comunicazione

Nei servizi il miglioramento del clima di fiducia è ancora più sensibile, soprattutto per il commercio, informazione e comunicazione. In questi settori sono buoni i livelli di attività, così come quello degli investimenti: diminuisce inoltre misura marcata il ricorso alla cassa integrazione. Resta incerto il settore della logistica.

Marsiaj: "Superata emergenza, dare a fase espansiva basi solide"

“Dopo quindici mesi – ha sottolineato il Presidente dell’Unione Industriale di Torino Giorgio Marsiaj stiamo finalmente parlando di ripartenza. Superata l’emergenza, ora è il momento di dare a questa fase espansiva delle basi solide che la rendano sostenibile anche nel medio e lungo periodo”.

Gay: "Strumenti per trasformare ripartenza in ripresa"

 “L’indagine – ha aggiunto il Presidente di Confindustria Piemonte Marco Gay - ci permette di guardare con fiducia ai prossimi mesi. Oggi abbiamo gli strumenti per trasformare la ripartenza in ripresa” .

Marsiaj: "Gigafactory un must, non dobbiamo perdere questa opportunità"

E sul possibile insediamento della Gigafactory di Stellantis, Marsiaj ha sottolineato aggiunto: “Ci sono buone opportunità perchè il nostro territorio sia la scelta di Stellantis, che si sta guardando attorno per capire dove collocare il terzo insediamento dopo Germania e  Francia. Auspico che sia scelta Mirafiori, dove c'è già un piccolo hub delle batterie”. “Credo -ha aggiunto - sia il governo centrale a dover creare le condizioni affinché sia attrattivo . La Gigafactory è un must: non dobbiamo perdere questa opportunità. Sì parla di migliaia di posti di lavoro che si creeranno dal 2024, quando l’elettrico sarà cresciuto”.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium