/ Eventi

Eventi | 02 luglio 2021, 19:36

Racconigi, apre la mostra "Storie dal mondo in Castello": gli oggetti "nascosti" nei depositi dell'Armeria

Aperta fino al 3 ottobre. Attivata la raccolta fondi tramite Art Bonus per l'apertura al pubblico dell'allestimento permanente

Sarà aperta al pubblico da domani, sabato 3 luglio, al Castello di Racconigi la mostra “Storie dal mondo in Castello”. 

Il percorso espositivo è stato allestito nella restaurata Cappella Settecentesca. Il pubblico potrà ammirare gli oggetti prima della visita alle sale del Castello senza maggiorazioni sul biglietto di ingresso. 

18 oggetti, selezionati dalla raccolta di armi e oggetti etnografici custodita nel Deposito Armeria, uno dei segmenti inediti e più sorprendenti del patrimonio della residenza rimasto ancora nascosto agli occhi dei visitatori. 

Coltelli, manufatti, ma anche armature e spade provengono da Africa, Sudamerica, Giappone, India, Svezia, Impero ottomano e coprono un arco cronologico che si muove tra la fine del Quattrocento e il primo quarto del Novecento. Sono per la maggior parte doni ricevuti da Vittorio Emanuele III e soprattutto dall’ultimo re d’Italia Umberto II, in occasione di viaggi all’estero o di visite diplomatiche legate alle relazioni internazionali intrattenute da Casa Savoia. 

La mostra è un “gioiellino” come l’ha definita il direttore Riccardo Vitale e si inserisce nell’ambito di un più ampio progetto di studio e valorizzazione dell’Armeria avviato già nel 2019 che conta oltre 500 pezzi. Si tratta dunque di un piccolo spaccato per mostrare il lavoro di recupero che si sta svolgendo al Castello: presenta sia gli esiti conservativi e di conoscenza sin qui conseguiti, sia gli obiettivi da portare avanti e sviluppare in futuro. 

Tra questi vi è la realizzazione di un allestimento permanente dell’Armeria per cui è stata attivata ieri una raccolta fondi promossa tramite il portale Art Bonus.

La mostra è stata la prima occasione ufficiale di riapertura alle iniziative nella residenza sabauda di Racconigi dopo il Covid. Un progetto partito da un bando ministeriale “Sleeping Beauty” che si pone come obiettivo proprio quello dello studio e poi l’esposizione delle opere “nascoste” all’interno dei musei. Opere che si trovano in grande quantità in quelle stanze oggi utilizzate come depositi della Reggia di Racconigi.

“Racconigi deve tornare a essere una reggia di valore europeo - ha commentato la direttrice di Musei Piemonte Elena De Filippis - Spero sia la prima di una serie di iniziative che si organizzeranno in Castello e chissà magari potrebbe diventare anche itinerante sul territorio”. 

“Questo è un luogo di ricerca e studio - ha aggiunto il sindaco e presidente di Terre dei Savoia Valerio Oderda -. Abbiamo parlato di sinergie internazionali, ma penso che la vocazione di Terre dei Savoia sia proprio quello della condivisione con il mondo, è una grande scommessa per il futuro. Il ruolo del castello sarà di catalizzatore per tutto il territorio”. 

Dopo la  messa a sistema della galleria del fregio, il recupero della Cappella Settecentesca e dei Bagni di Carlo Alberto (in collaborazione con l’associazione Terre dei Savoia e che saranno ufficialmente aperti il prossimo 16 luglio), il Castello guarda quindi alla riapertura anche lotto dell’Armeria, al piano terra del Castello, ma non solo. “Guardando in prospettiva - ha ricordato il direttore Vitale - l’ambizione sarebbe quella del recupero dell’Ammezzato fotografico della Regina Elena con recupero del materiale e della quadreria, insieme al restauro delle cucine settecentesche. In questo ragionamento si inserisce poi il recupero della Palazzina Svizzera”. 

Le ambizioni non sono poche, ma come ha precisato la curatrice Alessandra Giovannini LucaOggi abbiamo il 25% di patrimonio esposto, il 75% patrimonio è nascosto, conosciuto e studiato, ma che non rientra nei percorsi di visita”. 

Il nuovo percorso espositivo temporaneo, curato da Roberta Bianchi, Giulia Comello, Alessandra Giovannini Luca, Giuseppe Milazzo e Riccardo Vitale, sarà visitabile per tre mesi, fino al 3 ottobre. 

chiara gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium