/ Sport

Sport | 10 luglio 2021, 10:23

Volley A2/F: Un nome da “fata” per un magico Puma! In casa Lpm Bam Mondovì arriva Morgana Giubilato

Innesto prezioso per la Lpm Bam Mondovì, che ha ufficializzato l’arrivo di Morgana Giubilato. La ventenne siciliana è un libero, ma all’occorrenza può ricoprire il ruolo di schiacciatrice

Morgana Giubilato (foto Daniele Maceratesi)

Morgana Giubilato (foto Daniele Maceratesi)

Un acquisto “double face” per la Lpm Bam Mondovì! Morgana Giubilato è ufficialmente una nuova “Pumina”! L’ex giocatrice della Cbf Balducci Macerata rappresenta un acquisto particolarmente prezioso perché consente a coach Matteo Solforati di disporre in campo di una doppia opzione. La Giubilato, infatti, pur essendo un libero, all’occorrenza può ricoprire anche il ruolo della schiacciatrice.

Un’alternativa più che valida nel caso in cui fosse necessario far rifiatare Veronica Bisconti, ma non solo. Già con la maglia del Macerata, la giocatrice originaria di Mazara del Vallo (Trapani) ha dimostrato una certa duttilità. Insomma, stiamo parlando di una operazione tecnico-tattica altamente utile ed intelligente. Di seguito il comunicato della Lpm con le prime parole di Morgana Giubilato:

Il decimo tassello della nuova LPM BAM Mondovì è Morgana Giubilato, classe 2001, originaria di Mazara del Vallo.

Giubilato inizia a giocare nella Pallavolo Vigor Mazara, dove coltiva la sua passione e la sua ambizione di ambire a palcoscenici più ampi. Ad appena 15 anni si trasferisce all’Orago Volley, dove il suo sogno inizia ad avverarsi. Al primo anno conquista infatti lo scudetto Under 16 e prosegue con ottimi risultati tutto il percorso giovanile. Nel 2019 Giubilato entra nel mondo della Serie A2, dove veste, nelle ultime due stagioni, la maglia di Macerata, conquistando la Coppa Italia 2021.

A soli vent’anni, fin dalle prime parole, la nuova pumina si dimostra corretta e matura:
"Vorrei innanzitutto ringraziare la società di Macerata, che ha creduto in me in queste ultime stagioni. Se sono arrivata dove sono adesso, è anche grazie all’opportunità che mi hanno dato. Mi hanno scelta quando ero solo una ragazzina di 18 anni, che non conosceva nulla del mondo della pallavolo dei grandi.”

A Mondovì, Giubilato ritroverà alcune ex compagne di squadra: “Conosco alcune ragazze della rosa: oltre al libero Bisconti, con cui ho trascorso la scorsa stagione a Macerata, ho giocato anche con Taborelli, l’anno precedente. Ad Orago ho incontrato Pasquino ed insieme a lei ho disputato i campionati giovanili.”

In casa Lpm Bam Mondovì Morgana Giubilato ricoprirà il ruolo di secondo libero e all’occorrenza potrà giocare come banda: uno spumeggiante “jolly” a disposizione di coach Solforati.
Ed è stato proprio il tecnico a convincere Giubilato a vestire la maglia rossoblu: “Ho parlato con l’allenatore qualche settimana fa” - racconta la neo pumina - “Quando mi ha detto: “per me possiamo stare anche 24 ore in palestra” ho deciso di venire a Mondovì! Sono giovane, devo ancora formarmi, sviluppare le mie capacità, ho bisogno di crescere e so che dovrò lavorare tanto per realizzare i miei sogni.”

Morgana Giubilato arriva a Mondovì con un’energia incontenibile ed un obiettivo ben preciso: “Sono molto ambiziosa, forse anche troppo… Sto facendo di tutto perché un giorno, spero il prima possibile, io possa giocare titolare in A2. Questo è il mio primo obiettivo: raggiungerlo vorrebbe dire che tutti i sacrifici fatti sono serviti e hanno avuto un senso, anche se non ho mai fatto nulla contro voglia. Sono andata via di casa a 15 anni, ho sempre avuto le idee molte chiare su cosa voglio nel mio futuro: sono piuttosto testarda.”

Davvero sentito, infine, il messaggio che Morgana Giubilato vuole rivolgere al pubblico monregalese: “Sono molto contenta di essere in una società come Mondovì. Non vedo l’ora di iniziare e di conoscere tutti i tifosi, che sono molto conosciuti nel mondo della pallavolo di Serie A2.” - commenta con entusiasmo la pumina - “Devo ammettere però che soprattutto non vedo l’ora di vincere la prima partita, per fare il “famoso” coro, che fa emozionare anche gli avversari che hanno appena perso. Ogni volta che vedevo sui social i video in cui la squadra festeggiava con i tifosi, separati e da dietro le porte, mi lasciava senza fiato!”

Matteo La Viola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium