/ Attualità

Attualità | 15 luglio 2021, 13:48

Traffico, bolidi e strade "pietose": il Mussotto scrive a Provincia e prefetto. "Servono interventi urgenti"

In una lettera inviata anche a Comune e Regione il comitato di quartiere sollecita il rifacimento degli asfalti e la posa di velox fissi sui corsi Canale e Bra

Abituali le code lungo corso Canale, qui nel tratto che porta verso Racca

Abituali le code lungo corso Canale, qui nel tratto che porta verso Racca

Anche mezz’ora per fare i tre chilometri di strada che separano il quartiere dal centro, su asfalti che versano in uno stato "pietoso" e schivando motocicislisti che, soprattutto nelle giornate di sabato e domenica, in centinaia attraversano la frazione, diretti in Langa "come se fossero su una pista dedicata alle corse".

E’ quella di una viabilità urgentemente bisognosa di interventi una delle principali preoccupazioni del Mussotto, che tramite il presidente del suo comitato di quartiere, Giovanni Lano, ha deciso di prendere carta e penna segnalando le troppe cose che non vanno in una lettera poi recapitata al presidente della Provincia, Federico Borgna, al prefetto di Cuneo, Fabrizia Triolo, al Comando Carabinieri di Alba, al sindaco albese Carlo Bo e, per conoscenza, pure al presidente della Regione Alberto Cirio.

Nel suo scritto, il presidente Lano ha così evidenziato la sofferente situazione delle due arterie che attraversano la popolosa frazione, corso Canale e corso Bra, dove le problematiche vanno da un traffico che nelle ore di punta impone tempi di percorrenza esasperanti (non a caso corso Canale risulta da tempo la seconda strada provinciale più trafficata della Granda), all’alta velocità con la quale auto e moto la affrontano negli orari di minor afflusso, coi facilmente immaginabili problemi di sicurezza che ne conseguono.

Non meno grave, per il Comitato di quartiere, la situazione dei manti stradali. "Anche nel nostro quartiere – si legge nella missiva – ci sono strade di competenza provinciale, una parte di corso Canale versa in uno stato pietoso, per non parlare della superstrada che da Alba porta a Barolo e altri comuni, molto frequentata dai turisti e che in alcuni tratti non è certo un bel biglietto da visita, per un territorio che punta e punterà sempre di più su un turismo enogastronomico".

Da qui le richieste: "Abbiamo bisogno – spiega Lano – di una presenza costante delle forze dell'ordine per garantire il rispetto dei limiti di velocità, ma anche dell’installazione di almeno un rilevatore di velocità fisso sia in corso Canale che in corso Bra, di modo da scoraggiare i guidatori col piede pesante e incrementare la sicurezza degli utenti deboli della strada". Ma al contempo serve mettere urgentemente mano ai fondi stradali, con "la massima priorità per quanto riguarda l’asfaltatura del tratto di corso Canale che va dalla rotonda del Rondò al numero civico 41", presso la rotonda di innesto con corso Bra.

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium