/ Attualità

Attualità | 19 luglio 2021, 17:37

L’ospedale di Verduno spegne la sua prima candelina: i numeri di questi dodici intensi mesi

Il 19 luglio 2020 veniva completato il trasloco dei vecchi presidi di Alba e Bra. Da allora nella nuova struttura si sono gestite due ondate della pandemia insieme a 700 parti, 3mila interventi chirurgici, 27mila accessi al pronto soccorso e 100mila prestazioni ambulatoriali

Settembre 2020: l'ospedale aperto a luglio viene intitolato a Michele e Pietro Ferrero

Settembre 2020: l'ospedale aperto a luglio viene intitolato a Michele e Pietro Ferrero

Un anno vissuto intensamente. E’ quanto dicono i numeri che riassumono i primi dodici mesi di attività del "Michele e Pietro Ferrero" di Verduno.

A renderli pubblici è l’Asl Cn2, che ricorda come proprio il 19 luglio 2020 venisse finalmente completato l’agognato trasferimento delle attività ospedaliere fino ad allora attive nelle vecchie strutture di Alba e Bra verso quella appena ultimata sulla collina di Verduno, che pochi mesi prima aveva avuto un primo battesimo del fuoco come "Covid hospital" di rilievo regionale.

"Nell'intervallo tra le due fasi della pandemia Covid-19, grazie al lavoro, alla passione e all'abnegazione di migliaia di professionisti si è riusciti a portare a termine un progetto partito diversi anni fa e fortemente voluto da tutta la comunità di Langhe e Roero", si rileva dall’azienda sanitaria. Che poi ricorda come, da quel giorno, "tra le numerose difficoltà dovute all'avvio di un'opera così complessa e dalla storia travagliata, e nonostante le due successive 'ondate' della pandemia, sono stati portati a termine 677 parti; 3.066 interventi chirurgici; 6.329 ricoveri in area medica; 291 angioplastiche coronariche; 27.708 accessi al Pronto Soccorso; 15.274 esami radiologici; 98.525 prestazioni ambulatoriali specialistiche".


La nota dell’azienda si chiude con "un doveroso ringraziamento a tutti gli operatori e a tutti i volontari che sono stati parte integrante di questo progetto e alla Fondazione Ospedale Alba-Bra Onlus che è sempre stata al fianco dell’Asl Cn2, con la promessa che porteremo avanti con entusiasmo i progetti già avviati, così come quelli che stiamo per intraprendere, affinché il nuovo ospedale diventi centro di eccellenza per tutti i cittadini".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium