/ Eventi

Eventi | 27 luglio 2021, 14:36

Un programma tutto al femminile per il Concerto di Ferragosto 2021 a Castelmagno

L'evento è stato presentato oggi, martedì 27 luglio, in conferenza stampa dalla Sala Trasparenza della Regione Piemonte. La location è stata scelta nel ricordo dei “ragazzi delle stelle”. Il concerto, registrato davanti a poche centinaia di operatori della montagna, sarà trasmesso in uno speciale di 70 minuti, domenica 15 agosto alle 12,45 su Rai 3

Concerto di Ferragosto - edizione 2019 a Limonetto

Concerto di Ferragosto - edizione 2019 a Limonetto

 

Anche quest'anno, il giorno di Ferragosto saremo allietati dalle immagini delle nostre montagne in diretta nazionale Rai con il concerto sinfonico dell’orchestra Bartolomeo Bruni di Cuneo.

La location per la 41^ edizione del concerto di Ferragosto è Castelmagno, scelta non solo per la bellezza dei luoghi, ma anche nel ricordo dei “ragazzi delle stelle”, i cinque ragazzi morti nella notte tra l'11 e il 12 agosto 2020 in un tragico incidente stradale occorso dopo una notte trascorsa a guardare le stelle cadenti.

A causa del Covid, l'evento non sarà trasmesso in diretta. Verrà registrato giovedì 5 agosto davanti a poche centinaia di operatori della montagna e sarà trasmesso in uno speciale di 70 minuti, domenica 15 agosto alle 12,45 su Rai 3 e Rai Play.

Il programma sarà un omaggio alle figure femminili. Lo ha spiegato il Maestro Andrea Oddone alla conferenza stampa di presentazione dalla Sala Trasparenza della Regione Piemonte. “Il concerto prende le mosse da un ricordo di Carla Fracci e ha diversi fili conduttori – ha spiegato il Maestro Oddone -: Carla Fracci, la sua opera e la danza, poi le figure femminili nel teatro e infine i compositori piemontesi che sono un grande patrimonio da valorizzare. Partiamo con una suite di mia realizzazione dal Gran Ballo Excelsior di Romualdo Marenco, opera capofila e cavallo di battaglia di Carla Fracci che tante volte lo ha portato in Scala. Seguirà un omaggio a Rosina del 'Barbiere di Siviglia' di Rossini eseguita dal mezzo soprano Sofia Koberidze (che ha recentemente interpretato Suzuki nel 'Madama Butterfly' al Regio di Torino). Poi Danze Piemontesi sopra temi popolari di Leone Sinigaglia, importante compositore torinese che ha insegnato al conservatore di Torino. Ancora un omaggio alla celeberrima Habanera della Carmen per terminare con Maria de Buenos Aires, un'opera tango di Astor Piazzolla, cavallo di battaglia di Milva”.

Un evento che si è conquistato negli anni un ruolo importante nel palinsesto Rai. Lo conferma il caposervizio Francesco Marino: “È l'evento che richiede maggior sforzo produttivo. Abbiamo mantenuto l'appuntamento con una versione particolare causa Covid. Sarà un omaggio alla montagna, dopo due stagioni drammatiche vissute da tutte le Terre Alte italiane. Le Alpi cuneesi avranno l'onore e l'onere di rappresentare un mondo che ha sofferto tantissimo. Attraverso gli ospiti e la musica avremo la possibilità di approfondire tutti questi aspetti. Ci sarà la campionessa Marta Bassino, il prof. Mantovani che racconterà come le montagne del Nord-Ovest siano state spesso fonte di ispirazione per affrontare problematiche importanti dal punto di vista medico-scientifico. La scelta dell'Orchestra Bruni di un programma molto al femminile si collega al concetto di montagna come terra madre. E poi l'evento è dedicato ai ragazzi delle stelle, ma anche ad altri gravi lutti che hanno colpito la montagna, come la tragedia del Mottarone e la scomparsa dell'alpinista Carlo Alberto Cimenti”.

Presente alla conferenza anche il vice presidente della Regione Fabio Carosso: “Grazie alla Rai per l'opportunità. Fare vedere le nostre montagne è importante mai come quest'anno per quanto la montagna ha soferto. Castelmagno è poi una cornice meravigliosa”.

Il vicepresidente della Fondazione CRC Ezio Raviola: “Noi da sempre crediamo nel concerto di Ferragosto. Abbiamo appena firmato l'accordo che ci legherà per altri 3 anni. La speranza nostra è di poter ritornare dal vivo con il pubblico che ama le nostre montagne e il nostro territorio”.

Carla Bonino per la Provincia di Cuneo: “E' un concerto che valorizza i luoghi. Inoltre è stata davvero importante la scelta di Castelmagno. Le istituzioni sono state sensibili e sono arrivate anche dove arriva il dolore in modo sentito e corretto”.

Mauro Gola, presidente della Camera di commercio di Cuneo: “Il Concerto di Ferragosto è nato e cresciuto nella nostra provincia. Oggi è un appuntamento stabile del palinsestoRai che porta le nostre montagne su scala nazionale. Come si fa in montagna, un passo dopo l'altro, dal 1981 quando venne trasmesso dal rifugio Quintino Sella, abbiamo cercato di mettere in risalto le bellezze paesaggistiche e culturali della nostra provincia. Quest'anno in più lo abbiamo abbinato a un pezzo di dolore. Siamo sicuri che questi 5 ragazzi saranno con noi. Speriamo infine di rivedere presto il serpente colorato del pubblico che sale tra i sentieri per venire a vedere e a godere della musica sinfonica in alta quota”.

Daniela Salvestrin, direttore ATL del Cuneese: “Ci troviamo ad annunciare ancora un concerto senza pubblico, ma la buona notizia è che il concerto si farà. Grazie all'impegno Rai e di tutti gli enti che sostengono il concerto. Questo è segno della vitalità della montagna che attira turisti grazie a servizi di accoglienza e ad un'offerta impagabile. Invito tutti a guardare il concerto in tv ma anche a provare personalmente che cosa vuol dire una vacanza in montagna. Chi la prova, poi ci ritorna”.


Cristina Mazzariello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium