/ Attualità

Attualità | 28 luglio 2021, 18:45

Nei boschi di Vezza d’Alba «un’oasi dell’anima» nata attorno a un’antica sorgente [FOTO]

Così un gruppo di volontari guidati da Dino Ferrero ha sistemato e reso accessibile l’area della risorgiva Baritela. Uno spazio di sosta e ristoro ora aperto a tutti nella natura incontaminata delle colline vezzesi

Nei boschi di Vezza d’Alba «un’oasi dell’anima» nata attorno a un’antica sorgente [FOTO]

Oltre un centinaio le persone che nel pomeriggio di domenica 18 luglio si sono ritrovate nei boschi di Varamone, a Vezza d'Alba, per l’inaugurazione della bella area attrezzata realizzata là dove sorge l'antica sorgente "Baritela": una risorgiva d'acqua naturale, conosciuta sin dal 1554, dalla quale l'acqua sgorga senza interruzione anche nelle estati più secche.

L'idea di sistemare l’area boschiva sede di questa fonte naturale è venuta a Dino Ferrero, pensionato originario di Monteu Roero, da sempre innamorato di questa "oasi dell'anima", che insieme ad alcuni amici provenienti da diversi comuni del circondario si è occupato di sistemare e rendere fruibile questo suggestivo spazio all'aperto, abbellendolo con archi di edera, siepi, fiori e decorazioni vegetali, e attrezzandolo con panchine, camminamenti, attacchi per cavalli e biciclette, così da creare un vero e proprio spazio di sosta e ristoro, accessibile e aperto a tutti nel verde della natura incontaminata dei boschi vezzesi.

L'area è stata inaugurata alla presenza del sindaco vezzese Carla Bonino, del produttore vinicolo ed ex sindaco monteacutese Giovanni Negro e del gran maestro Carlo Rista in rappresentanza dell’Ordine dei Cavalieri di San Michele del Roero, mentre il parroco del paese, don Giuseppe, e il parroco del Duomo di Alba don Dino Negro si sono occupati della benedizione. L'evento si è concluso con un grande rinfresco aperto a tutti presenti.

"Sono molto contento di essere riuscito a ripristinare la fontana e l'area di accesso alla sorgente – spiega Dino Ferrero –. Avevo all'incirca 6 anni quando la mia mamma, insieme ad alcuni amici ci portava, alla sorgente per prendere l'acqua buona e limpida consigliata anche dal medico di allora".

Per raggiungere l'area si può imboccare la strada Valrubiagno di Vezza d’Alba oppure la strada comunale di Sant'Anna di Monteu Roero seguendo l’apposita segnaletica presente sul posto.

Tiziana Fantino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium