/ Agricoltura

Agricoltura | 08 settembre 2021, 14:52

Fauna selvatica, Coldiretti Piemonte: escalation di incidenti, alcuni mortali

"Stiamo valutando la possibilità di costituirci parte civile"

Fauna selvatica, Coldiretti Piemonte: escalation di incidenti, alcuni mortali

 

Sabato 28 agosto, a Vinadio, un motociclista perde la vita sulla strada del Colle della Maddalena in un incidente causato da fauna selvatica. È solo uno degli ultimi incidenti mortali dovuti a questa grave problematica oltre a centinaia di incidenti con feriti e gravissimi danni alle automobili e alle persone coinvolte. 

In Piemonte 1100 incidenti stradali all’anno sono causati dalla fauna selvatica e in soli 5 mesi, da gennaio a maggio 2021, sono aumentate del 63% le richieste di indennizzo dei danni da parte degli agricoltori.

“La situazione – spiega Roberto Moncalvo, Presidente di Coldiretti Piemonte e Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo – è sempre più grave e deve continuare l’impegno della Regione e delle autorità preposte per ridurre il numero di selvatici. In merito agli incidenti mortali, con i nostri legali e dialogando con le associazioni dei Familiari e Vittime della Strada, come Coldiretti Piemonte, stiamo valutando la possibilità e l’ammissibilità per porteci costituire parte civile al fianco della società che è sempre più coinvolta in questa gravissima problematica. La situazione è diventata insostenibile non solo nelle aree rurali della nostra Regione, ma anche nelle città tanto che viene compromesso l’equilibrio ambientale degli ecosistemi territoriali con la perdita della biodiversità e sono in costante aumento  gli incidenti che mettono a rischio la pubblica sicurezza. Senza dimenticare il pericolo della diffusione di malattie evidenziato dallo stesso Piano di sorveglianza e prevenzione per il 2021, pubblicato dal Ministero della Salute.

“In gioco – aggiunge Fabiano Porcu, Direttore di Coldiretti Cuneo – ci sono il futuro delle nostre imprese, la sicurezza dei cittadini e l’intero equilibrio ambientale di vaste aree territoriali piemontesi, anche di zone ad elevato pregio naturalistico. Per questo è urgente che le Istituzioni, dalla Regione Piemonte in primis, non tergiversino e attuino urgentemente delle misure necessarie per contenere la fauna selvatica che è di proprietà dello Stato e lo Stato non può creare disagio, pericolo e danni ai propri cittadini che deve, invece, tutelare”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium