/ Attualità

Attualità | 16 settembre 2021, 12:35

A Busca si cercano bambini per il progetto internazionale Bloom&doom

La prossima settima fa tappa nel comune buschese la Residenza artistica di Caterina Moroni: ecco come iscriversi ad un'esperienza unica

A Busca si cercano bambini per il progetto internazionale Bloom&doom

Fa tappa a Busca il progetto internazionale Bloom&Doom dell’artista Caterina Moroni  che coinvolge i bambini dai 7 agli 11 anni nella realizzazione di un laboratorio per capire meglio  che mondo erediteranno dagli adulti.
Il laboratorio è  gratuito e si terrà lunedì 20, mercoledì 22, venerdì 24 settembre dalle ore 15:30 alle 17:30 con ritrovo nel salone comunale Chiappello, in via Cavour 28. L’esperienza, che si svolgerà in gran parte  all’aperto, nel Giardino dell’Infinito e nel centro storico, si concluderà con un’esplorazione aperta al pubblico sabato 25 settembre, al mattino. I posti disponibili sono al massimo 15. Le iscrizioni si effettuano al  link >https://bit.ly/3kbO5PR
 
“Il laboratorio sfocerà in un’insolita esplorazione urbana della città – spiega l’artist a– I bambini sperimenteranno le loro capacità di adattarsi a un mondo complicato mantenendo viva la creatività e l’immaginazione per un futuro di comunità e relazioni.  Infine, sarà l clan dei bambini a guidare un gruppo di adulti in una visita particolare della città, compresa una camminata… nel cielo”.
 
“Con la Residenza artistica di Bloom&Doom – dicono l’assessore al Volontariato, Ezio Donadio e all’Istruzione, Lucia Rosso, che seguono l’iniziativa per il Comune – prosegue la collaborazione della nostra città con Mirabilia per valorizzare gli spettacoli culturali. Ancora una volta Busca vedrà nascere una performance internazionale: da ottobre, infatti, l’artista lavorerà a Marsiglia portando nella città francese l’esperienza buschese”.
 
Bloom&doom  è un’esperienza per comunicare l’emergenza del collasso climatico e ispirare le persone ad agire adesso per un futuro possibile e più sostenibile. In un terreno di mezzo tra un tour guidato, un party ed una azione di attivismo, Bloom&doom  invita il pubblico a partecipare attivamente in un’esperienza immersiva nella città. La tensione è verso un rituale urbano poetico e contagioso che ci sproni dall’immobilità. Un clan errante di giovani guiderà il pubblico in un rituale urbano attraverso la città. Durante il percorso i bambini e ragazzi trasmetteranno al pubblico (gli adulti) le loro conoscenze su come adattarsi, come sopravvivere in un mondo al collasso, come essere autonomi, come sopravvivere, come continuare a sognare. La missione del clan è  attraversare la città per raggiungere un posto specifico e speciale (T.A.Z. – Temporary Autonomous Zone) per compiere il loro rituale che, a seconda del contesto specifico, contemplerà piantare degli alberi, reintrodurre lucciole o api. Mano nella mano adulti e bambini attraverseranno la città alla ricerca di un senso per il futuro. I bambini potrebbero trovarsi in difficoltà, anche gli adulti potrebbero trovarsi in difficoltà. Tutti lo siamo. Cos’è il pericolo se il peggior rischio è causato da noi adulti, giorno dopo giorno? Il campo di ricerca di Bloom&doom  sono i movimenti ambientalisti contemporanei, le teorie del “rewilding” di George Monbiot e del “deep adaptation” di Jem Bendell, i linguaggi delle rivolte urbane e dei movimenti di azione diretta nonviolenta, la guerrilla art, le pratiche partecipative e tutti i terreni ibridi dei linguaggi espressivi. In ogni luogo Bloom&doom  crea un legame con il territorio, ogni volta le persone che prendono parte alla performance creano un evento unico.
Caterina Moroni nasce in Umbria nel 1982. Laureata in lingue e culture europee e specializzata in comunicazione d’impresa. Collabora dalla fondazione con l’associazione Demetra e il Centro di Palmetta, e da molti anni con la Casa Laboratorio di Cenci. Nelle arti performative si è formata e ha lavorato con molte delle principali realtà teatrali contemporanee, tra cui La compagnia del Pino, Chiara Guidi/Societas Raffaello Sanzio, Rodrigo Garcia, Jairo Cuesta, Tapa Sudana, Enrico Frattaroli, Ana Borges, Marco Plini, OThiasos Teatro Natura, Divano Occidentale Orientale e diverse formazioni e compagnie emergenti. Nel 2008 comincia la propria attività creativa. Le performance, gli spettacoli e le installazioni nate a partire da allora sono state presentate presso numerosi festival nazionali e internazionali. Nel 2014 concepisce il progetto partecipativo Duck March che da allora la porta in diversi luoghi d’Italia e del mondo per incontrare e organizzare action groups di donne. Per il triennio 2015-2017 è membro del team internazionale selezionato per il progetto europeo “Arts’R’Public_Euro-Mediterranean Laboratory for Arts in Public Spaces”. Obiettivo del progetto è la creazione e trasmissione delle arti negli spazi pubblici. In questo contesto parteciperà alla realizzazione di specifici interventi artistici all’interno di festival internazionali.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium