/ Cronaca

Cronaca | 17 settembre 2021, 07:38

Avrebbe creato un sito civetta della 'Verti Assicurazioni' per inscenare una truffa, donna a processo

A costituirsi parte civile nel procedimento, la compagnia assicurativa. La presunta vittima, un uomo resdiente a San Michele Mondovì

Foto generica

Foto generica

Una truffa pensata ad hoc quella verosimilmente inscenata da una donna di Napoli, A.I., imputata al tribunale di Cuneo. Secondo l’accusa, aggravata dalla minorata difesa mediante sostituzione di persona, in concorso con terzi (rimasti ancora da indentificare ndr) avrebbe ideato un sito civetta, vale a dire un sito web di copertura, utilizzando indebitamente la denominazione della “Verti Assicurazione”, parte civile nel procedimento.

L’imputata si sarebbe messa in contatto con la presunta vittima, un uomo residente a Villanova Mondovì, (non costituita parte civile ndr), che intendeva assicurare la propria autovettura.

“Nel novembre 2018 stavo cercando una nuova assicurazione online. Avevo trovato il sito della Verti. Mi è stato mandato il preventivo tramite mail e tramite whatsapp ho ricevuto i dettagli per il pagamento. Ho effettuato un bonifico su una carta prepagata. Una volta terminata l’operazione ho ricevuto un’altra e-mail con la polizza: controllando attentamente ho scoperto che i dati anagrafici erano sbagliati. Ho chiamato la Verti Assicurazione al numero verde e ho scoperto che non ero assicurato. Sono stato truffato 340 euro”, ha dichiarato in aula la persona offesa.

L’udienza è stata rinviata per ascoltare altri testimoni.

CharB.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium