/ Viabilità

Viabilità | 21 settembre 2021, 19:00

Semafori antismog e blocchi del traffico a Mondovì, come funzionerà?

L'ordinanza sarà effettiva dall'installazione della segnaletica e verrà attivato un numero verde per chiedere info dirette alla Polizia Locale che sta predisponendo un flyer che verrà distribuito ai cittadini

Semafori antismog e blocchi del traffico a Mondovì, come funzionerà?

Sono entrate ufficialmente in vigore le misure straordinarie per il contenimento dell’inquinamento da polveri sottili, facile a dirsi, ma ci vorrà un po' di tempo prima che tutti interiorizzino le nuove regole, con tutte le conseguenze del caso. 

La direttiva sui blocchi del traffico è stata adottata dall'Unione Europea ed è ricaduta a cascata su regioni e comuni, in dettaglio su: Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, ossia le aree del "bacino Padano" e, anche se la scelta non è condivisa da moltissime persone, in provincia di Cuneo il provvedimento riguarda le "sette sorelle" e i comuni sopra i 10 mila abitanti cioè Borgo San Dalmazzo e Busca. 

I sindaci dei comuni interessati, ad eccezione di Alba e Bra che già in precedenza erano state coinvolte nella regolamentazione delle polveri sottili con i "semafori antismog", dallo scorso marzo, hanno emesso l'ordinanza in applicazione della direttiva europea, ma fin da subito è emersa la necessità di avere informazioni più chiare e uniformi. 

Oggi, martedì 21 settembre, il comune di Mondovì ha indetto una conferenza stampa per fare il punto sulle nuove disposizioni, anche alla luce delle ultime modifiche che la Giunta Regionale ha adottato ad agosto e di fatto eliminano molte delle deroghe precedentemente previste (ad esempio quella per gli over 70, ndr).  

In città l'ordinanza verrà applicata da quando sarà completata l'installazione della cartellonistica stradale e dei pannelli luminosi che avverrà nelle prossime settimane. Per aiutare gli automobilisti verrà attivato un numero dedicato per ricevere informazioni dalla Polizia Locale che sta lavorando anche per predisporre un flyer con il riepilogo delle norme da rispettare. 

Ricapitoliamo...

Per circolare a Mondovì, come negli altri comuni interessati, bisognerà fare i conti con "limiti strutturali" e "ambientali". 

I limiti valgono nei centri abitati del comune, nel caso di Mondovì il concentrico e la frazione di Sant'Anna Avagnina.

STRADE IN DEROGA

Il Comune di Mondovì ha previsto una deroga per le seguenti strade:

Provinciale Cuneo-Mondovì, la statale 28 quindi corso Statut, via della Cornice e le strade che partono da piazza Mellano ossia via Cuneo, via Torino, Via Langhe e via Tanaro. In questo modo verrà consentito l'attraversamento della città.

LIMITI STRUTTURALI

M1: veicoli fino a 9 posti a sedere, M2 oltre i 9 posti fino a 5 tonnellate, M3 oltre 9 posti e oltre 5 tonnellate. N1 massa fino a 3,5 t, N2 oltre 3,5 fino a 12 t, N3 superiore alle 12 tonnellate. 

divieto di circolazione, dalle ore 00:00 alle ore 24:00 di tutti i giorni (festivi compresi) per veicoli benzina e diesel Euro 0-1-2, GPL e metano Euro 0-1, adibiti al trasporto persone (categoria M1, M2, M3) e adibiti al trasporto merci (categoria N1, N2, N3)

divieto di circolazione, dalle ore 8:30 alle ore 18:30 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì, dal 15 settembre di ogni anno al 15 aprile dell’anno successivo, dei veicoli dotati di motore diesel adibiti al trasporto persone (categoria M1, M2, M3) e adibiti al trasporto merci (categoria N1, N2, N3) con omologazione uguale a Euro 3 ed Euro 4. Dal 15 settembre 2023 il divieto sarà esteso ai veicoli dotati di motore diesel adibiti al trasporto di persone (categoria M1) e adibiti al trasporto merci (categoria N1, N2, N3) con omologazione uguale a Euro 5;

divieto di circolazione veicolare, dalle ore 00:00 alle ore 24:00 di tutti i giorni (festivi compresi) dal 15 settembre di ogni anno al 15 aprile dell’anno successivo, di tutti i ciclomotori e i motocicli adibiti al trasporto di persone o merci (categoria L1, L2, L3, L4, L5, L6, L7) con omologazione inferiore o uguale ad Euro 1

LIMITAZIONI TEMPORANEE

Nel caso di superamento delle soglie di pm10, stabilite dall’accordo del Bacino Padano, dal 15 settembre di ogni anno al 15 aprile dell’anno successivo, scatteranno anche le limitazioni temporanee, quali:

Allerta di 1° Livello – colore “ARANCIO”

divieto di circolazione veicolare, dalle ore 8,30 alle 18,30, di tutti i giorni (festivi compresi), dei veicoli adibiti al trasporto di persone (categoria M1) dotati di motore diesel con omologazione uguale ad Euro 3, 4 e 5;

divieto di circolazione veicolare, dalle ore 8,30 alle 12,30, il sabato e nei giorni festivi, dei veicoli adibiti al trasporto merci (categoria N1, N2, N3) dotati di motore diesel con omologazione uguale a Euro 3 ed Euro 4

Allerta di 2° livello – colore “ROSSO”

divieto di circolazione veicolare dei veicoli commerciali (categoria N1, N2, N3) con omologazione uguale a Euro 1, 2, 3 e 4 diesel, dalle ore 8,30 alle ore 18,30, il sabato e nei giorni festivi;

divieto di circolazione dei veicoli commerciali (categoria N1, N2, N3) con omologazione uguale ad Euro 5 diesel, dalle ore 8,30 alle ore 12,30, tutti i giorni;

MOVE IN

Il sistema di MOnitoraggio VEicoli INquintanti prevede la possibilità per chi ha un veicolo che rientra nei limiti strutturali di poterlo utilizzare in deroga, percorrendo un numero limitato di chilometri, previa installazione di una piccola "scatola nera" sulla batteria della propria auto.

Il Move In NON consente comunque l'utilizzo di questi veicoli in caso di "semaforo" antismog con allerta arancione rossa. 

Installarlo costa 50 euro per il primo anno di adesione (30 euro per l’installazione della black-box e 20 euro per la fornitura del servizio annuale); 20 euro massimi per la fornitura del servizio annuale, per ciascuno degli anni successivi.

Il sistema conta tutti i chilometri percorsi sul territorio comunale e tutti i giorni dell'anno. Esauriti i km il veicolo non potrà più essere utilizzato fino all'anno successivo. Per controllare i km a disposizione l'utente avrà una app dedicata cui potrà accedere dopo l'installazione della scatoletta. Il limite massimo di km percorribili dai veicoli interessati dai limiti strutturali varia a seconda delle omologazioni (la tabella qui). 

SANZIONI

Per chi viola le nuove regola è prevista una sanzione di 168 euro. Alla seconda violazione è prevista la sospensione della patente.

DEROGHE

Arianna Pronestì

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium