/ Attualità

Attualità | 23 settembre 2021, 16:04

"Qui non chiediamo il green pass" all'ingresso della pasticceria Racca a Confreria. Il titolare: "Non voglio lavorare sotto ricatto"

Ivan Racca parla di un percorso di consapevolezza iniziato quando si è trovato a vivere sulla propria pelle quelle che definisce le contraddizioni nella gestione della pandemia. "Non metto in discussione il virus, ma la gestione politico-sanitaria che ne è stata fatta"

"Qui non chiediamo il green pass" all'ingresso della pasticceria Racca a Confreria. Il titolare: "Non voglio lavorare sotto ricatto"

Ivan Racca, titolare, con la moglie, della pasticceria Racca di Confreria, frazione di Cuneo, sul suo profilo Facebook ha diversi post nei quali non fa mistero di ciò che pensa sul green pass.

E la conferma arriva dal cartello affisso all'ingresso del locale che gestisce, poco distante dall'ingresso dell'ospedale Carle: "Qui non chiediamo il green pass".

"Vuoi definirmi no-vax, complottista, no green-pass? Fai pure. Per me sono solo etichette, che non mi interessano. Io sto difendendomi da uno Stato che mi ricatta per lavorare. Che mi dice che dal 15 ottobre io non posso lavorare perché non ho il green pass. Ho aperto questa attività quando avevo 27 anni, facendo mille sacrifici, arrivando in laboratorio alle 4 del mattino in tutte le stagioni, con mia moglie e una bimba appena nata. Ho sempre messo in conto di poter fallire, ma mai che sarei potuto fallire per una tessera. Se devo essere ricattato per lavorare e per un vaccino e un virus che si cura, non ci sto".

E poi un messaggio provocatorio che rende l'idea della fermezza di Racca: "Piuttosto che cedere a questo ricatto io chiudo, convinto di aver sempre agito con coscienza. Mi chiedo: io per lo Stato sono una risorsa o un problema? Credevo di essere una risorsa, ma da come stanno andando le cose so che mi sbagliavo"

Parole dure, ma pronunciate con lucidità e coscienza.

Cittadino consapevole e attivo, ha sempre partecipato alle manifestazioni di tutti i lavoratori. "Sono andato a quelle della scuola, a quelle degli artigiani, anche alla manifestazione di protesta del mondo della neve. Ho una coscienza civica che mi spinge a scendere in piazza. Perché bisogna far sentire la propria voce", continua.

"Non parlo di cose mediche, perché sono un artigiano. Ma ho iniziato ad informarmi fuori dai canali ufficiali, quelli che voi giornalisti chiamate controinformazione. Io credo, invece, che i media abbiano smesso di informare e abbiano iniziato a fare propaganda. Ho iniziato a leggere, a guardare video, ad ascoltare medici non allineati. Durante il lockdown panetterie e gastronomie erano aperte, le pasticcerie no. Ho provato sulla mia pelle delle scelte che ritenevo prive di senso, piene di contraddizioni. Che mi hanno portato a farmi molte domande, come faccio sempre, ma questa volta rivolgendomi a canali non ufficiali per trovare le risposte. Ho maturato dentro di me la necessità di capire perché sta succedendo questo. Perché, se esistono delle cure diverse, proposte da medici, non vengono prese in considerazione? Mi sembra che lo scopo debba essere quello di remare tutti in una stessa direzione: uscire dalla pandemia. Invece vedo solo attacchi, etichette e divisioni. Il green pass è la goccia finale, una discriminazione alla quale non mi adeguo, costi quel che costi. Sono disposto a chiudere, ma io ai miei clienti non chiedo la tessera verde, non faccio selezione all'ingresso, perché non è il mio lavoro controllare e tantomeno discriminare. Non metto in discussione il virus, ma la gestione politico-sanitario che ne è stata fatta".

E poi conclude: "Non dobbiamo farci la guerra, siamo tutti sulla stessa barca. Io non ho la verità, ma solo tante domande che mi sono sorte proprio ascoltando chi ci dice che il vaccino ci farà uscire da questa situazione. E' stato detto tutto e il contrario di tutto. Sono ovviamente preoccupato per quello che succederà dopo il 15 ottobre. Ma non posso accettare di vivere e lavorare sotto ricatto".

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium