/ Attualità

Attualità | 23 settembre 2021, 11:00

La monregalese Beatrice Usseglio neo presidente del Distretto Leo 108 Ia3

Tanti i progetti da realizzare nel corso del nuovo anno sociale con una particolare attenzione all’ambiente e ai disturbi del comportamento alimentare

Chiara Aprosio, Beatrice Usseglio e Barbara Provera

Chiara Aprosio, Beatrice Usseglio e Barbara Provera

Entusiasmo, passione e impegno per la comunità. Sono questi i valori che accomunano tutti i “Leo”, ragazze e ragazzi di età compresa tra i 12 e i 30 anni che decidono di donare il loro tempo e le loro capacità per all’associazione mettendo in pratica il motto “We serve”.

E, nonostante la pandemia, sono davvero tante le iniziative, a livello nazionale, regionale, distrettuale e da parte di ogni singolo club.  Ne abbiamo parlato con Beatrice Usseglio, neo presidente del Distretto Leo 108 Ia3 (Basso Piemonte e Liguria di Ponente).

Past president del Leo Club Mondovì Monregalese, Beatrice, 28 anni, raccoglie il testimone dalla sanremese Chiara Aprosio, che la affiancherà nel percorso insieme alla vice presidente Barbara Provera del Leo Club Ventimiglia.

“Il Covid ha travolto il mondo in maniera inaspettata” – spiega la presidente distrettuale, Beatrice Usseglio“L’impegno dei membri della nostra associazione è da sempre quello di offrire service per aiutare la comunità e per farlo, crediamo il modo migliore sia quello di stare in mezzo alla gente. Purtroppo la pandemia ha imposto una rimodulazione delle nostre attività ed abitudini ma non ci siamo persi d’animo, ci abbiamo creduto e abbiamo lottato”.

A Marzo 2020, i Leo Club del distretto hanno deciso di supportare maggiormente il progetto nazionale “Leo for Safety & Security” (che ha durata triennale 2019-2022), donando kit di emergenza agli enti di Primo Soccorso Italiani (Protezione Civile, Croce Rossa, Guardia Costiera, Soccorso Alpino, Croce Verde etc..).

I diversi club del distretto hanno poi cercato di dare supporto sul territorio fornendo dispostivi di protezione individuale, in particolare mascherine FFP2 e chirurgiche, ma c’è stato molto di più: donazione di tablet agli anziani ospiti delle case di riposo che non potevano ricevere le visite dei propri cari, donazione di respiratori alle strutture ospedaliere e letterine per aiutare gli anziani a combattere la solitudine causata dalla pandemia, tutto sempre svolto in collaborazione con i professionisti dei vari settori, in modo da intercettare tempestivamente le necessità e prestare servizio.

Non avendo la possibilità di scendere in piazza con le uova pasquali, nello stesso periodo, il distretto ha deciso di donare circa 300 uova all’ospedale San Paolo di Savona, punto centrale tra le aree territoriali della Liguria di Ponente e Basso Piemonte.

L’anno sociale è stato inaugurato lo scorso 1° luglio e sono già tanti gli obiettivi che il distretto si propone di perseguire e realizzare entro il “capodanno” di giugno 2022.

Tra i temi più cari la tutela dell’ambiente, l’attenzione per i diritti dei bambini, le attività dedicate ai non vedenti e la lotta alla violenza di genere e ai disturbi alimentari, concretizzata con il progetto “Dove i centimetri angosciano. Leo vs DCA” (Disturbi del comportamento alimentare), candidato dal distretto Leo108 IA3 a livello nazionale come TeSn e approvato lo scorso maggio.

Come state affrontando la lotta ai DCA?

Il tema è ancora troppo sottovalutato, quasi tabù” – spiega Usseglio – “Con questo progetto vogliamo sensibilizzare il maggior numero di persone possibili e, soprattutto, fornire supporto a chi ne soffre. Come? Con l’aiuto di professionisti come dentisti, ginecologi, medici e specialisti che hanno aderito all’iniziativa e che nei loro studi metteranno a disposizione un vademecum e saranno riconoscibili da un adesivo. Il messaggio che vogliamo trasmettere è che non si è soli nella lotta a queste patologie.”

Il distretto è molto attivo sui social, in particolare su Instagram e Facebook, dove, attraverso la propria pagina, porta avanti diverse rubriche che raccolgono testimonianze e consigli di professionisti dei vari settori.

Per l’ambiente e l’area giovani e bambini, già nel 2018, era stato creato un libro da colorare, “Colora e Impara con Leo il Castagno”, per sensibilizzare i più piccoli sul tema dell’ambiente…

“Sono diverse le iniziative dedicate ai bambini e all'ambiente, da “Let’s play different” che è un particolare gioco dell’oca che insegna a conoscere le disabilità, all’album da colorare, legato al tema del rispetto ambientale, realizzato in italiano e in inglese. Nel 2021 abbiamo realizzato il sequel del racconto, che è stato premiato dai Lions Europei con un riconoscimento in denaro che servirà per stampare le copie che verranno donate alle scuole e agli ospedali”.

Un’altra importante area di cui vi occupate è quella della “vista”, con service per i non vedenti…

“Oltre a tenere una rubrica dedicata che spiega in pillole tante curiosità, ad esempio come un cucciolo diventa cane guida, nel nostro piccolo abbiamo aderito al progetto “A tutto tondo”, che prevede di realizzare modelli di opere d’arte con la stampante 3D, fruibili attraverso il tatto dalle persone non vedenti, con la creazione dei modellini del Santuario di Vicoforte e il Battistero di Albenga”.

Cosa significa essere Leo?

“L’associazione insegna a crescere, ti permette di fare esperienze diverse e affrontare anche le paure. Da tempo i Leo collaborano con Anpal e con le scuole nel progetto di “Be Leo” per l’alternanza scuola-lavoro, una delle attività che svolgiamo è quella della raccolta del banco alimentare, un’esperienza a mio avviso formativa sotto molteplici punti di vista che aiuta anche a comprendere i “no” e le reazioni delle persone”.

Il motto che hai scelto come presidente è “Creer a pesar es un gran amor” (credere nonostante è amore grande, ndr), perché?

“Penso che possa essere un buon augurio per ripartire, sperando di poter presto tornare alle nostre attività e service tradizionali, possibilmente in presenza. Siamo già al lavoro per tante iniziative, dedicate alla lotta alla violenza di genere e anche al tema del “catcalling”. Per seguire le nostre rubriche ed essere aggiornati sulle iniziative seguiteci sui nostri canali social”.

Arianna Pronestì

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium