/ Attualità

Attualità | 24 settembre 2021, 08:26

Siccità e scarsità di precipitazioni in provincia di Cuneo, l'Ato 4 convoca un incontro urgente

Il presidente dell’autorità d’ambito che gestisce il ciclo idrico nella Granda. Mauro Calderoni: "L’obiettivo è verificare le diverse situazioni e valutare potenziali problemi nelle prossime settimane nelle alimentazioni idriche degli acquedotti dell’intera area di nostra competenza"

Siccità e scarsità di precipitazioni in provincia di Cuneo, l'Ato 4 convoca un incontro urgente

Un incontro sulla scarsità di precipitazioni delle ultime settimane su tutto il territorio della provincia di Cuneo e per valutare le situazioni di criticità del servizio acquedottistico.

Lo convoca l’Ato 4 del Cuneese, l’autorità d’ambito che gestisce il ciclo idrico nella Granda, dove sono rappresentate tutte le Amministrazioni locali, sia i Comuni che le Unioni montane.

L’appuntamento, in videoconferenza, è per oggi, venerdì 24 settembre, alle 11.

«L’obiettivo – dice il presidente dell’Ato 4 Mauro Calderoni, sindaco di Saluzzo – è verificare le diverse situazioni e valutare potenziali problemi nelle prossime settimane
nelle alimentazioni idriche degli acquedotti dell’intera area di nostra competenza che, come noto, presenta caratteristiche anche molto diverse. Vogliamo discutere insieme di eventuali soluzioni, per far si che possano essere programmati al più presto gli interventi
di miglioramento degli impianti e che risultino così efficaci per il prossimo futuro».


Della crisi idrica estiva si legge da tempo su tutti gli organi di stampa. E’ dei giorni scorsi la notizia della chiusura anticipata, ad esempio, del rifugio «Quintino Sella» al Monviso, a Crissolo, perché si è esaurita la falda per la scarsa copertura nevosa dello scorso inverno e per l’assenza di piogge estive.

«Tutto questo – aggiunge Calderoni – ci impone di affrontare al più presto la questione e di discutere tutti insieme come prepararci per nuovi periodi secchi come questo che stiamo vivendo e che speriamo che si sia concluso con l’inizio dell’autunno. Vista l’importanza della questione, sono certo che ci sarà una partecipazione informata e costruttiva».

«L’Ato intende proporre un programma di lavoro – precisa il direttore Giuseppe Giuliano -finalizzato sia ad attivare un percorso operativo per ridurre le perdite dalle reti idriche, sia a definire, su base provinciale, uno studio che valuti le possibili ripercussioni dei cambiamenti climatici sulla risorsa acqua dei nostri territori e delle nostre montagne. Si
vogliono coinvolgere gli enti pubblici territoriali come Provincia, Regione, Arpa e l’Università di Torino».

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium