/ Economia

Economia | 25 settembre 2021, 07:00

Un futuro cookieless: i riferimenti di Giovannipio Gravina

Il termine chiave in questo caso è cookieless, ovvero la possibilità di sfruttare degli identificativi diversi dai cookie nel senso classico come li intendiamo.

Un futuro cookieless: i riferimenti di Giovannipio Gravina

Si parla sempre di più di un futuro che si basa sempre meno sull’uso dei cookie e sul far riferimento ad una strategia differente rispetto a quelle che si sono applicate tradizionalmente. Il termine chiave in questo caso è cookieless, ovvero la possibilità di sfruttare degli identificativi diversi dai cookie nel senso classico come li intendiamo. Un aspetto davvero interessante, che non può non ricordare il mercato della pubblicità online. Forse siamo destinati ad avere un futuro nell’online con meno dati, ma sicuramente con la possibilità di sfruttarne alcuni più precisi. Ne devono tenere assolutamente conto tutti quei professionisti che si occupano di studiare e di rendere operative le strategie di marketing, ma allo stesso tempo devono tenere conto di questo aspetto anche gli imprenditori che si affidano all’online.

I riferimenti di Giovannipio Gravina al cookieless

Giovannipio Gravina, fondatore e direttore della web agency milanese Publicom, è uno dei più importanti esperti per quanto riguarda la pubblicità attraverso la rete. In numerosi suoi riferimenti ha spiegato che cosa comporta l’avvento dell’era del cookieless.

L’esperto ha fatto riferimento a come si debba tenere conto di tutto ciò nell’ambito dei programmi advertising, che saranno compliti in maniera determinante da questo fenomeno. Ha fatto notare che ci sono comunque delle soluzioni alternative che ormai via via si sviluppano sempre di più sul mercato e che danno la possibilità di lavorare sul processo di identificazione e di tracciamento degli utenti della rete, non per forza facendo riferimento ai cookie di terze parti, ma attraverso l’applicazione di un altro tipo di tecnologie.

Gravina ha affermato di credere molto nello sviluppo dei sistemi di riconoscimento di contextual advertising. In questo gli investitori devono avere la massima fiducia, perché le soluzioni alternative possono essere veramente determinanti.

Giovannipio Gravina si è laureato al Politecnico di Milano in Ingegneria delle Telecomunicazioni. Nel 2012 ha fondato a Milano Publicom, una web agency orientata all’IT, che nel corso del tempo ha saputo sfruttare le più importanti professionalità per quanto riguarda il settore pubblicitario.

Nel 2016 Gravina ha seguito corsi di perfezionamento a Londra ed è riuscito ad ottenere certificazioni Google in diversi settori.

Oggi si occupa di coordinare un team che opera in vari Paesi in tutto il mondo, mettendo a frutto l’esperienza e le offerte di Publicom, soprattutto per quanto riguarda le competenze di marketing e di media planning.

Publicom si occupa di pubblicità, di siti web, di e-commerce, di siti corporate, di web marketing, di search engine optimization. E poi ancora di direct e-mail marketing e di monitoring & reporting.

Quali sono le vie per un futuro cookieless

Un futuro senza cookie insomma è possibile, anzi ci stiamo avvicinando sempre più alla sua realizzazione. Ma quali sono le più importanti alternative che possiamo individuare in questo settore? Quali soluzioni possono sfruttare gli investitori per connettersi con il loro target?

Ci sono vari elementi che dobbiamo considerare in questo senso. Per esempio si può fare riferimento all’utilizzo di altre fonti come dati di seconde parti o dati di login, i programmi di fidelizzazione. E poi non dobbiamo dimenticare lo sviluppo di partnership con i big tech, non trascurando per esempio tutte le informazioni che possiamo ricavare per l’identificazione degli utenti attraverso Google, Facebook e Amazon, per fare degli esempi che si basano sull’erogazione di pubblicità targettizzata e coinvolgente.

Inoltre non è da sottovalutare assolutamente tutto ciò che rientra nel cosiddetto targeting contestuale, in modo da abbinare gli annunci a delle parole chiave determinate, per inserirli in un contesto pertinente. Questa tecnica può essere applicata a numerosi contenuti, come anche le descrizioni, i commenti e i metadati dei video.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium