/ Curiosità

Curiosità | 26 settembre 2021, 17:03

Mondovì: lunedì 4 ottobre il ricordo annuale del colonnello Cordero Lanza di Montezemolo e del vice d'Acquisto

Non più un relatore di grande caratura, come negli anni passati, ma un intervento di due studenti del Liceo cittadino: Matteo Prucca e Giulio Lucentini, che intendono avviare le loro considerazioni sulle origini della Resistenza, esaminando le iniquità del fascismo in ogni settore della vita sociale

Mondovì: lunedì 4 ottobre il ricordo annuale del colonnello Cordero Lanza di Montezemolo e del vice d'Acquisto

L’omaggio annuale al col. Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo ed al vice big. Salvo d’Acquisto, presso il monumento realizzato su progetto dell’artista Giovanni Gagino,  si terrà lunedì 4 ottobre, alle ore 10, per iniziativa della onlus che richiama l’ufficiale, martire alle Fosse Ardeatine, discendente di una famiglia nobile monregalese.

Non più un relatore di grande caratura, come negli anni passati, ma un intervento di due studenti del Liceo cittadino: Matteo Prucca e Giulio Lucentini, che intendono avviare le loro considerazioni sulle origini  della Resistenza, esaminando le iniquità del fascismo in ogni settore della vita sociale. Inizierà, quest’anno, l’analisi dell’operato del Tribunale speciale per la difesa dello stato (1925-1945) e delle Commissioni Provinciali, che comminavano a larghe mani le Diffide e i Confini. Con i documenti forniti dall’archivio Centrale Politico e riguardanti cittadini di Mondovì, si evidenzieranno le insulse azioni del regime, per distruggere ogni attività non in linea con le direttive del partito unico.

Sacerdoti ed avvocati, ma anche operai e financo poveracci di umile personalità, sono stati soggetti alle crudeltà della Diffida e del Confino, modalità per tentare di far piazza pulita ad ogni idea di libertà e di democrazia. Si attende la presenza di scolaresche e rappresentanze di ogni associazione Partigiane e d’Arma, come pure di Comuni e Istituzioni.

Il consiglio della Regione Piemonte ha assicurato la presenza del Gonfalone, decorato di medaglia d’oro al Merito Civile per la Resistenza. Ugualmente la Provincia di Cuneo e la Città di Cuneo, entrambi medaglie d’oro. In apertura è prevista una preghiera interconfessionale. Nello steso giorno l’Assessore comunale Luca Olivero intende far apporre una Pietra d’inciampo, a ricordo della prof.sa Delfina Ortona, israelita che insegnava al Liceo “Beccaria”.

Pur avendo convintamente aderito al PNF, nel dicembre 1943 fu arrestata dai nazisti, inviata al Campo di concentramento di Borgo San Dalmazzo, quindi a quello di Fossoli e poi ad Auschwitz, ove probabilmente venne gassata all’arrivo, non esistendo in nessun documento la sua matricola. Il ricordo sarà inserito davanti a Via Vico 69, ultima abitazione in ci viveva.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium