/ Attualità

Attualità | 27 settembre 2021, 10:58

Confronto sull’Asti-Cuneo: i Comuni di Alba e Bra presenti, ma solo come uditori. "Faremo un incontro in autunno"

Questa sera al PalaMedford il confronto promosso dall’Odp Langhe Roero. Le amministrazioni coinvolte nel tavolo regionale: "Per la documentazione ufficiale serve ancora tempo"

Nel marzo scorso la visita al cantiere del viceministro Morelli

Nel marzo scorso la visita al cantiere del viceministro Morelli

Gli amministratori dei Comuni di Alba e Bra ci saranno, alla serata promossa dall’Osservatorio per la Tutela del Paesaggio di Langhe e Roero, ma solo in qualità di uditori.  

E’ la precisazione che arriva dai due municipi in merito all’appuntamento che il sodalizio ha organizzato per questa sera (lunedì 27 settembre, ore 21 al Palazzo Mostre e Congressi di Alba), con l’intento di fare il punto sullo stato di avanzamento della progettazione e dei lavori per il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo.

L’incontro fa parte delle iniziative che da mesi vedono l’Odp Langhe Roero impegnato a sottolineare quelle che ritiene siano le criticità del progetto relativo al lotto 2.6.

Nei mesi scorsi il coordinamento di associazioni ambientaliste aveva chiesto di poter prendere parte ai lavori del Comitato di Supporto costituito dalla Regione su richiesta del Comune di Alba e con la partecipazione, oltre che del concessionario, degli altri Comuni interessati dal passaggio dell’opera, e quindi di Bra, Cherasco, Roddi, Verduno, Grinzane Cavour e La Morra.

Verificata l’impossibilità di essere ammesso al tavolo (la rappresentatività del territorio allo stesso è già assicurata dalla presenza delle amministrazioni comunali, è stata in sostanza l’obiezione opposta dalla Regione), l’Odp Langhe e Roero ha promosso per questa sera una serata pubblica alla quale ha richiesto la partecipazione degli stessi enti locali.

L’invito è stato tra i punti discussi durante l’ultima riunione del Comitato, lo scorso 14 settembre, la prima dopo la pausa estiva. Favorevoli al confronto, Regione e Comuni si erano però determinati "nell’organizzare un evento in autunno, quanto prima possibile, con tutti gli attori e con tutti i documenti disponibili per condividerli con la cittadinanza", ritenendo che per l’evento del 27 settembre "non fosse garantita la presenza di tutti i soggetti coinvolti e la disponibilità dei documenti per una completa e chiara rappresentazione ai cittadini".

"Tutti gli attori del tavolo – si legge nella missiva partita dall’assessore regionale ai Trasporti Marco Gabusi e rivolta all’Odp – hanno già definito che sarà concordata una data entro l’autunno in cui in maniera assolutamente trasparente e partecipata (anche con strumenti informatici che possano superare le limitazione delle norme anti-covid) i cittadini possano essere informati di tutti gli aspetti tecnico infrastrutturali e ambientali".

La decisione, da parte dell’associazione, di procedere comunque all’organizzazione dell’incontro di questa sera ha convinto le amministrazioni albese e braidese a confermare la propria presenza, ma solo "per dovere istituzionale": "Nel pieno rispetto di quanto deciso dal Comitato di Supporto – ha infatti fatto sapere il Comune di Alba all’Osservatorio, e analoga comunicazione è contestualmente partita dal municipio di Bra –, la presenza alla serata sarà soltanto in qualità di uditore e non verrà fornito alcun intervento, chiedendovi fin d’ora di rispettare questa posizione evitando qualsiasi tipo di coinvolgimento sia da parte degli organizzatori, sia da parte di partecipanti nella fase di dibattito".

E. M.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium