/ Politica

Politica | 28 settembre 2021, 11:25

"Limitazioni al traffico: la Giunta di Mondovì come sempre ferma"

Il circolo cittadino di Fratelli d’Italia: "La nostra città clamorosamente indietro nell’applicazione delle nuove direttive, che avrebbero dovuto essere operative lo scorso 15 settembre"

Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Riceviamo e pubblichiamo.

Nei giorni scorsi ha fatto parecchio “rumore", a Mondovì, la questione della necessità di aderire alle nuove disposizioni regionali in materia di contenimento dell’inquinamento atmosferico. L'applicazione di notevoli limitazioni al traffico, che inciderà pesantemente sulla vita dei cittadini monregalesi, sembra essere passata quasi inosservata da chi governa la città.

L'intera gestione della questione da parte dell'Amministrazione comunale di Mondovì è infatti apparsa – da quanto abbiamo potuto capire, leggere e approfondire – al solito superficiale, insufficiente, povera di contenuti. La concretizzazione delle misure ha colto l’amministrazione monregalese completamente impreparata, o almeno così sembra. Mentre le altre “sorelle" si sono mosse in tempo, pare che la nostra città sia clamorosamente “indietro" nell’applicazione delle nuove direttive, che avrebbero dovuto essere operative lo scorso 15 settembre. A Mondovì manca ancora un'ordinanza specifica sulle limitazioni, le informazioni scarseggiano, fonti giornalistiche parlano di una fantomatica spesa di 200 mila euro per attrezzarsi di idonea segnaletica, di un altrettanto fantomatico bando di gara per acquistarla, di cui però sembra non esserci traccia all'albo pretorio... . Insomma, ancora una volta l’Amministrazione comunale sembra muoversi in modo titubante.

Anche gli altri Comuni hanno palesato difficoltà nella gestione delle nuove direttive, ma hanno dato evidenza di vivacità, elemento che alla nostra amministrazione manca del tutto. Chi ancora (come Bra, Alba, Fossano) non aveva già pacchetti antismog predisposti precedentemente si è mosso su altri piani. Per esempio, il Comune di Cuneo ha approvato un ordine del giorno, lo scorso 21 settembre, chiedendo alla Regione una sospensione temporanea sulle direttive anti-inquinamento. La proposta è stata approvata con 17 voti favorevoli, in modo trasversale: mani alzate anche da forze centriste, le stesse che reggono l'Amministrazione comunale monregalese.
Ci chiediamo, quindi: perché non “copiare bene", per una volta, imitando Cuneo nella proposta di un ordine del giorno di richiesta di sospensiva? Ancora una volta, invece, l’impressione è che ci si lasci travolgere dagli eventi.

Fratelli d’Italia,
Federazione Provinciale di Cuneo
Circolo di Mondovì e del Monregalese

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium