/ Attualità

Attualità | 29 settembre 2021, 07:45

Continua lo studio e la valorizzazione delle "Terre bianche" napoleoniche in Val Tanaro

Effettuati voli e riprese con droni professionali sull'area, in occasione di una giornata di addestramento con gli "amici di Loano", i volontari della protezione civile A.N.A., squadra S.A.P.R., coordinati con la Sezione A.N.A. di Ceva

Continua lo studio e la valorizzazione delle "Terre bianche" napoleoniche in Val Tanaro

Continua l'opera di studio e valorizzazione del sito napoleonico di Terre bianche, con il rilievo e lo studio dei trinceramenti ancora ben visibili in val Tanaro.

L'area era già stata oggetto di un intervento di recupero, presentato al pubblico nella giornata di domenica 12 settembre, da parte dell'Associazione Storico culturale Reggimento La Marina di Nucetto

Le trincee costituivano un punto di difesa realizzato nel complesso di fortificazioni a protezione del Forte di Ceva nel XVIII secolo. Con le "ridotte" di Bric Battaglione sopra Nucetto e Bric Valloria presso la Cappella di San Grato di Malpotremo, si chiudeva l'accesso verso Ceva, lungo il lato destro della Val Tanaro. Nel 1795 durante la prima campagna d'Italia di Napoleone, furono largamente impegnate negli aspri combattimenti tra le truppe Austro-Piemontesi e gli invasori Francesi.

Sabato 25 settembre gli "amici di Loano", i volontari della protezione civile A.N.A., squadra S.A.P.R., Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto, coordinati con la Sezione A.N.A. di Ceva, hanno scelto di svolgere una giornata di addestramento sul territorio dove insiste la ridotta. Così con la presenza di piloti esperti e qualificati sono stati effettuati voli e riprese con droni professionali sull'area, rilevando dall'alto tutto il sito. Inoltre sono stati effettuati alcuni voli simulando le direttrici di attacco e di ritirata da parte delle truppe napoleoniche durante gli scontri del 1795/96.

"Un sentito ringraziamento va a tutti i volontari dei gruppi coinvolti - dice il sindaco di Nucetto, Enzo Dho - "per la grande disponibilità e professionalità dimostrata. Tutto questo conferma, ancora una volta, come lavorando in gruppo e in sinergia si possano realizzare tanti interventi che fatti singolarmente possono essere problematici e poco efficaci, al contrario il lavoro di squadra rende fattibili".

AP

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium