/ Attualità

Attualità | 01 ottobre 2021, 13:08

Vigili del fuoco al posto degli Alpini? Novità in vista per l'ex caserma Mario Fiore di Borgo San Dalmazzo

500 mila euro di affitto annuo spingono il comando provinciale dei pompieri al cambio di sede. La richiesta di spazi pubblici è stata fatta a diversi enti, ma solo il comune di Borgo ha risposto. Il sindaco Beretta: "Penso a un polo attrezzato per l'assistenza e l'intervento sul territorio con dentro anche un eliporto”

Il sindaco Beretta nel corso di un sopralluogo all'ex caserma Mario Fiore

Il sindaco Beretta nel corso di un sopralluogo all'ex caserma Mario Fiore

“L'ex caserma Mario Fiore di Borgo San Dalmazzo potrebbe diventare un polo attrezzato per l'assistenza e l'intervento sul territorio ospitando la sede di vigili del fuoco, protezione civile, Aib, corpo forestale dello Stato e magari anche un eliporto”.

Pensa in grande il sindaco Gian Paolo Beretta, dopo l'interessamento del comando provinciale dei pompieri a spostare la sede proprio nel sito di via Cuneo. Un'area che è stata dismessa nel 1997 e acquisita a costo zero dal Demanio nel 2015.

Al momento si tratta soltanto di un’ipotesi, ma i contatti sono partiti a fine agosto e ci sono già stati dei sopralluoghi. Quel che è certo è che i vigili del fuoco sono intenzionati a lasciare la caserma provinciale di corso De Gasperi a Cuneo. La affittano da una società privata con un canone annuodi 500 mila euro. Decisamente oneroso.

Come impone la legge, la richiesta di spazi pubblici da parte dei vigili del fuoco è stata fatta (su richiesta del comando centrale e nell'ottica di razionalizzazione dei costi) al comune di Cuneo, al Demanio, alla Provincia, alla Regione e a tutti i comuni limitrofi del capoluogo. L'unica risposta ricevuta al momento è proprio quella di Borgo San Dalmazzo. Tra gli attori coinvolti anche il Ministero dell'Interno.

L'ex caserma degli Alpini borgarina potrebbe essere un luogo ideale, sia per spostare la sede che per avere un'area di ricovero per i mezzi: ci sono a disposizione ben 55 mila metri quadri e ne basterebbero la metà.

Se il percorso per trasferire la caserma si presenta lungo, potrebbe concretizzarsi nel breve periodo quello del deposito e ricovero per gli automezzi di grandi dimensioni. I primi sopralluoghi sono stati fatti a fine settembre proprio per controllare la staticità di tettoie e fabbricati.

“Noi siamo disponibili a iniziare un dialogo e un percorso per collocare la caserma dei pompieri all'interno dell'ex Mario Fiore e per portare i vigili del fuoco lì dove c'erano gli Alpini – ribadisce il primo cittadino Beretta -. Non mancano gli spazi per fare esercitazioni e per trasformare qull'area dismessa in un polo di pronto intervento contro incendi, alluvioni e calamità naturali, fondamentale per tutte le vallate. Inoltre anche la posizione è strategica, vicino a Cuneo e alle montagne, con la Est-Ovest a pochi chilometri”.

E le altre soluzioni che erano state pensate per la Mario Fiore? Nel 2018 era stato presentato uno studio di fattibilità per realizzare un ostello, spazi co-working, Fab Lab, un parco urbano, nonché depositi comunali.

“Rimangono tutte in piedi – conclude Gian Paolo Beretta -. Si tratta di un progetto dinamico, da adeguare allo spirito dei tempi. Nessuna opzione è scartata a priori. Ci sarebbe lo spazio per fare tutto”.

Cristina Mazzariello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium