/ Economia

Economia | 11 luglio 2019, 21:00

Sbc Digital Italia, la due giorni sul gioco d'azzardo in Italia

Da inizio 2020 a oggi molte cose sono cambiate nell’economia globale e anche in quella italiana. Se a causa del Covid-19 alcune tipologia di impresa hanno visto un danno generalizzato, altre hanno avuto modo di espandersi, prosperare e crescere molto più di quanto sperato.

Sbc Digital Italia, la due giorni sul gioco d'azzardo in Italia

Da inizio 2020 a oggi molte cose sono cambiate nell’economia globale e anche in quella italiana. Se a causa del Covid-19 alcune tipologia di impresa hanno visto un danno generalizzato, altre hanno avuto modo di espandersi, prosperare e crescere molto più di quanto sperato.

Tra queste aziende trovano posto tutte quelle che hanno la possibilità di trasferire, più o meno integralmente, parte delle loro attività online. È proprio grazie a internet e al digitale che eCommerce, servizi streaming e casinò online hanno avuto una nuova rinascita.

Come se la sono cavata i casinò online italiani durante la pandemia?

A causa delle regole che tuttora vanno a impattare su alcuni aspetti della vita dei cittadini, gli amanti del gioco d’azzardo si sono trovati con un’ampia disponibilità di portali online su cui trascorrere parte del proprio tempo. I casinò online italiani hanno sì visto un crescente afflusso di giocatori, ma è stato evidenziato un preoccupante trend che vede molti utenti rivolgersi a canali non legali.

Ecco perché, pur essendo un settore in crescita e con numeri da capogiro, è facile prevedere che verranno presto introdotte nuove normative a tutela delle parti coinvolte. Alcuni dati interessanti, coadiuvati dagli interventi di esperti del settore, sono stati condivisi durante “La grande corsa del gioco online”, un panel che ha avuto luogo nella seconda giornata di “Sbc Digital Italia - Il futuro del gioco in Italia”.

Si tratta di un evento che mira ad approfondire l’industria del gioco d’azzardo in Italia, dalle scommesse ai punti di gioco fisici, passando ovviamente per l’online. Durante questa due giorni di fine luglio sono emersi molte informazioni interessanti, condivise da alcuni dei maggiori esperti del settore.

I numeri del gioco online in Italia

Il primo dato di rilievo è stato condiviso dall’Online Managing Director di Sisal, Marco Tiso, che ha evidenziato una crescita del mercato online nel primo semestre del 2021 pari al 78%, andando a superare i 2 miliardi di euro. Questo aumento ha interessato principalmente i canali generici, cresciuti del 106%, mentre quelli solo online hanno in realtà goduto di un aumento pari al 31%. 

Il dato che più interessa il settore dell’online è quello che vede salire l’incidenza dell’online nella spesa complessiva dal 9% del 2019 al 20% del 2020. Mentre gli scommettitori si sono chiaramente spostati dalla sala scommesse all’online, però, gli amanti dei giochi da casinò non sembrano aver fatto altrimenti, o quanto meno non sembrano averlo fatto tramite i canali ufficiali, andando quindi ad alimentare i profitti del mercato illegale.

Una crescita generalizzata anche a fronte del gioco illegale

Sembra infatti che ben 4 milioni di italiani, durante questo periodo di pandemia, abbiano preferito giocare online attraverso canali non legali. Anche Alessandro Graziosi, Direttore Bu Digital di Snaitech Spa, parla del chiaro avanzamento del mercato del gioco illegale, dato che le possibilità online, per quanto riguarda i casinò, sono sicuramente maggiori rispetto a quelle offerte dai punti vendita fisici come sale slot o bingo.

Mentre quindi in ambito scommesse la migrazione c’è stata in maniera quasi naturale e i canali legali ne hanno evidenziato il trend crescente, per le slot machine questo passaggio non c’è stato. Vanno quindi prese misure a tutela dei giocatori, con il chiaro obiettivo di non dare altro spazio alla crescita del gioco illegale, tenendo comunque presente che, ad esempio, giocare in un casinò svedese munito di regolare licenza non rientra in questa definizione.

I rappresentanti di alcune delle imprese più rinomate del settore, come Scientific Games e Habanero, hanno inoltre evidenziato una crescita in tutti i settori, soprattutto relativamente ai giochi da casinò e in secondo luogo al poker. A fronte di una diminuzione media della spesa, si è però visto un aumento dell’utenza che ha portato le percentuali a crescere per tantissime entità di gioco online.

Le richieste degli operatori del settore

Visti i dati emersi durante questo panel, è interessante vedere anche quali sono state le richieste da parte dei relatori intervenuti. Ecco quindi che viene rimarcata l’importanza di dare al settore una nuova regolamentazione, capace di adattarsi ai nuovi consumatori che vi si avvicinano.

È quindi importante dare maggiore visibilità agli operatori che operano in maniera legale, evitando al contempo di esagerare nella comunicazione. Al contempo non va dimenticato che è importante tenere in considerazione il gioco responsabile, favorendo la possibilità di tracciare l’andamento del gioco attraverso tutti i canali, online e non.

La tecnologia ormai consente di superare la cosiddetta “segregazione dei canali”, è dunque giunto il momento che la normativa si adegui al nuovo contesto in cui ci si trova a operare. La tutela del giocatore al momento viene garantita online con estrema facilità, dato che tutto è tracciato, ecco perché è importante che questo settore continui a crescere, snellendo le procedure e alcuni processi ridondanti e incapaci di dare valore e protezione al mercato, appesantendo invece il mercato.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium