/ Monregalese

Monregalese | 14 ottobre 2021, 12:06

Truffa inversa: mette in vendita online il caminetto e le spillano 500 euro, una condanna

La parte offesa: “Convinta di incassare il denaro, in verità ho ricaricato la postpay del compratore”

Foto generica

Foto generica

M.Z.G. è stato condannato in tribunale a Cuneo a 8 mesi di reclusione e 400 euro. L’uomo, di origini marocchine, era finito nei guai per truffa in concorso con altre persone ancora da identificare.

A essere raggirata una donna di Mondovì, che aveva deciso di mettere in vendita online un caminetto. In udienza la parte offesa ha raccontato di essere stata contattata il giorno dopo dall’imputato, interessato all’acquisto. La truffa, al momento del pagamento: “Voleva pagarmi in anticipo offrendomi 1.000 euro suddivisi in due tranche – ha detto la donna -. Mi sono recata allo sportello bancomat e, seguendo le sue istruzioni, convinta di incassare 500 euro, in realtà li ho versati sulla sua Postepay. Ho digitato quella cifra perché, a suo dire, era la somma massima di denaro che si potesse erogare per ogni transazione. Mi sono accorta subito dopo la prima transazione di essere stata truffata, perché una volta effettuata l’operazione, lo sportello ha erogato lo scontrino dell’avvenuta ricarica sul conto di M.Z.G. Sono andata dai Carabinieri a denunciare l’accaduto. L’imputato mi ha ricontattata più volte sul cellulare incitandomi ad andare in un altro sportello, cosicché potesse saldare il pagamento, versandomi i restanti 500 euro. Insisteva, ma io non gli ho dato retta”.

CharB.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Leggi le notizie della Val Bormida

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium