/ Cronaca

Cronaca | 16 ottobre 2021, 16:15

Due giorni di scontri e guerriglia nel carcere Cerialdo di Cuneo

Un agente ha rischiato di essere colpito al viso con una lametta. Al termine della rivolta, molte celle inagibili e danni ingenti: il personale di Polizia Penitenziaria ha faticato fino a tarda notte per ristabilire l’ordine e la sicurezza interna

Il carcere Cerialdo di Cuneo

Il carcere Cerialdo di Cuneo

Si è conclusa nella tarda serata dello scorso 14 ottobre, nel carcere di Cuneo, solo grazie all’intervento del personale di Polizia Penitenziaria, compreso quello libero dal servizio richiamato in istituto, ottimamente coordinato dal Comandante di recente nominato, lo scontro tra fazioni di detenuti di varie etnie iniziato nel primo pomeriggio.

Nella circostanza si sono infatti fronteggiati, senza alcuna remora, Albanesi, Marocchini e Sudamericani. Addirittura, nella serata, i detenuti si sono affrontati con lamette da barba, bombole di gas in uso ai fornelli in dotazione, manici di scope, gettando olio in terra per ritardare gli interventi del personale, mentre alcune celle venivano sfondate con le brande. Al termine degli scontri, testimoni parlano di sangue presente ovunque.

Un Assistente Capo di Polizia ha evitato per poco di essere colpito in viso con una lametta e lo stesso detenuto ha cercato di aggredirlo con pugni e calci, mentre sarebbe stato sfregiato in viso un detenuto sudamericano.

Il personale di Polizia Penitenziaria ha faticato fino a tarda notte per ristabilire l’ordine e la sicurezza interna e il Comandante del Reparto ha condotto una estenuante trattativa, ben supportato dal personale di Polizia Penitenziaria intervenuto per far desistere i detenuti dall’ulteriore prosieguo delle violenze. Molte celle del carcere hanno subito ad opera dei delinquenti un vero e proprio smantellamento.

A dare la notizie è l’OSAPP (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) per voce del Segretario Generale Leo Beneduci, che aggiunge:
“L’intervento degli uomini della Polizia Penitenziaria del carcere Cuneese è stato provvidenziale anche al fine di scongiurare più gravi conseguenze non solo per la struttura, ma anche per l’utenza oltre che per gli stessi appartenenti al Corpo.
Peraltro
- aggiunge Beneduci -, lo scontro tra i detenuti di Cuneo ha causato danni che assommano a svariate migliaia di euro, di cui sarà purtroppo solo la collettività a farsi carico, e dimostra fuor di dubbio quanto sia precaria la tenuta del sistema penitenziario nazionale e quanto sia indispensabile provvedere a una sostanziale inversione di tendenza rispetto a una politica nazionale improntata solo sul concessivismo e sulla impunità dei reclusi malgrado innegabili violenze e danneggiamenti.
Il plauso per un sistema che nonostante tutto regge a tutela della collettività malgrado il palese disinteresse della politica del Ministro Cartabia e dei vertici dell’Amministrazione penitenziaria in tutt’altre faccende affaccendati
– conclude Beneduci – va ancora una volta alle donne e agli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria, che in assoluta povertà e in carenza di mezzi e di organico riescono comunque a far fronte a simili emergenze”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium