/ Attualità

Attualità | 16 ottobre 2021, 08:26

Farmacie prese d'assalto per i tamponi: "Lavoro insostenibile, non si riesce nemmeno a respirare"

Intervista a Massimo Mana, presidente di Federfarma Piemonte: "Inoltre è un'operazione poco remunerativa. Il guadagno si aggira fra 1 e 2 euro a tampone. Questo, se lavori in orario normale. Se devi pagare straordinari invece ci rimetti”


“Spero che non duri così fino a Natale, non credo che la categoria riesca a reggere”. Più chiaro di così non poteva essere Massimo Mana, presidente di Federfarma Piemonte.

Con l'obbligo del Green Pass sul posto di lavoro, le farmacie sono state prese letteralmente d'assalto dalle persone non vaccinate che vogliono fare il tampone.

Ne avevamo già scritto giovedì, alla vigilia dell'entrata in vigore della normativa.

“Per i farmacisti queste sono giornate infernali con richieste continue e telefonate che superano almeno del doppio i posti disponibili – racconta Mana -. Un esempio? Se ho dieci persone davanti per fare il tampone ne ho almeno altre venti che vogliono prenotare. Poi, in certe zone, ti arrivano i braccianti della frutta che non sono vaccinati, entrano e chiedono di essere tamponati immediatamente per poter andare al lavoro”.

Insomma il risultato è che i farmacisti non riescono più a fare i farmacisti.

“Il lavoro diventa insostenibile, non riesci nemmeno a respirare, con difficoltà a servire la gente che ha bisogno di medicinali. Si lavora male, non c'è neanche il tempo di mettere a posto un pacco”.

Ci vuole un quarto d'ora a tampone e per un lavoratore servono fino a tre tamponi a settimana.

“C'è gente che chiede di essere prenotata fino a gennaio. È una situazione a dir poco complessa. Poi arrivano quelli che hanno il Green Pass sul cellulare ma lo vogliono anche stampato... Ed ecco che qualche farmacista inizia a dire di no. Finora si è cercato di andare incontro alle richieste di tutti, ma se non hai tempo, non hai tempo”.

Positiva la disponibilità della Regione a tamponare negli hotspot pubblici sul territorio.

“Tutto quello che porta via un po' di gente dalle famacie è utile, ma se si pubblicizza che saranno aperti nei fine settimana, il rischio è che vengano presi d'assalto”.

Almeno i farmacisti ci guadagnano con i tamponi?

“Checché se ne dica, per i farmacisti è un'operazione poco remunerativa. Il guadagno si aggira fra 1 e 2 euro a tampone. Questo, se lavori in orario normale. Se devi pagare straordinari invece ci rimetti”.

Cristina Mazzariello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium