/ Sport

Sport | 17 ottobre 2021, 09:32

Volley maschile A3 - A Bologna prima trasferta per Savigliano, Brignone: "Abbiamo lavorato bene durante la settimana"

Saviglianesi sul campo della Geetit Pallavolo Bologna. Fischio d'inizio alle ore 18

Volley maschile A3 - A Bologna prima trasferta per Savigliano, Brignone: "Abbiamo lavorato bene durante la settimana"

Alle 18 di oggi (diretta sulla piattaforma streaming Legavolley.tv.) è in programma il fischio della prima partita in trasferta del Monge-Gerbaudo Savigliano nel campionato di A3 Credem Banca, valida per la seconda giornata.

Si gioca a Bologna (non al mitico Pala Dozza), per affrontare un’altra matricola del Girone Bianco, la Geetit, che a differenza della squadra di coach Bonifetto ha esordito col botto espugnando Brugherio al tie-break.

Ci son voluti un paio di giorni a capitan Bossolasco e compagni per metabolizzare la sconfitta, secca, con Portomaggiore, ammette Matteo Brignone, il vice di Bonifetto: «Ma da metà settimana il gruppo ha ripreso a lavorare bene, a rispondere positivamente agli input. Abbiamo ancora Galaverna a metà servizio. Ghibaudo ha avuto sintomi influenzali ma è recuperato al 100 per cento».

Il Monge-Gerbaudo è chiamato a ritrovare le proprie sicurezze che al debutto, sostiene convinto “Brigna”, non si sono palesate a causa innanzitutto dell’avversario: «Portomaggiore si è dimostrato squadra di assoluto livello per la categoria, ha imposto il proprio gioco impedendoci di fare il nostro. Quando il libero degli altri difende di tutto, e l’opposto va a palla a terra con diagonali terrificanti, c’è poco da fare».

Geetit è obbligatoriamente da non sottovalutare, certo appartiene ad un’altra tipologia di squadra rispetto a quella ferrarese di coach Marzola, ricca di top player: «Sono una formazione giovane ma competitiva, piena di entusiasmo. Molti di loro sono esordienti nella categoria, alcuni alla prima esperienza da titolari».

Eccetto i due liberi (classe ’88 e 89’), sono tutti giocatori nati dopo il 1993. Il Savigliano ritroverà una conoscenza recente: Filippo Boesso, ex di Trento rivale nella finale play-off: «Non gioca più opposto ma banda, sembra un altro giocatore», chiosa Brignone, concludendo con un auspicio: «Loro fanno della difesa l’arma migliore. Speriamo siano come visti a video contro Brugherio, perché in tal caso sapremmo come far loro male».

In altre parole: superato lo shock dell’impatto con il nuovo campionato, il Monge Gerbaudo Savigliano si accinge alla prima sfida lontano da casa consapevole di potersi giocare le proprie carte.  

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium