/ Cronaca

Cronaca | 18 ottobre 2021, 15:14

Il Saluzzese piange Carlo Rinaudo, un’icona nel mondo della ricettività

È morto alla clinica di Caraglio, dopo una battaglia contro la malattia. Il grande spirito imprenditoriale lo aveva portato a fondare e gestire diversi locali del territorio

Immagine generica

Immagine generica

È morto a 88 anni Carlo Rinaudo, volto conosciutissimo nel Saluzzese, dove ha dedicato gran parte della sua vita al settore della ristorazione.

Rinaudo, era originario di Costigliole Saluzzo. E proprio nel suo paese aveva mosso i primi passi in quella che sarebbe diventata la professione di tutta una vita. Dopo aver lavorato nella trattoria del papà, inizio a compiere operazioni imprenditoriali, aprendo il ristorante “Hanbe Freide”, insieme alla mamma e alla sorella.

Negli anni, gestì anche l’Astor hotel di Saluzzo, per poi ottenere anche la nomina a direttore dell’Hotel Terme Reali di Valdieri.

Nel tempo libero, era grande amante dello sport, in special modo calcio e sci. Aveva infatti vestito la maglia del Cuneo.

Dopo aver lottato contro la malattia per un anno, negli ultimi due mesi aveva visto peggiorare il suo quadro clinico. Rinaudo è morto alla clinica Monteserrat di Caraglio. Lascia la moglie Maria Luisa e i figli Laura e Paolo.

Il rito esequiale verrà officiato martedì 19 ottobre, alle 10, nella chiesa del Sacro Cuore a Cuneo.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium