/ Economia

Economia | 19 ottobre 2021, 07:00

Equilibrio Vita privata e vita professionale: benvenuti nel welfare aziendale

Per le imprese è fondamentale capire come funziona per assicurarsi il massimo impegno delle proprie risorse: scopriamolo insieme con questo articolo molto utile

Equilibrio Vita privata e vita professionale: benvenuti nel welfare aziendale

Il welfare aziendale rappresenta il benessere dei dipendenti, che si ottiene offrendo loro un livello soddisfacente di vita privata e vita professionale. Tutto questo si traduce in una maggiore motivazione per i collaboratori che, sviluppando un senso di appartenenza e di fedeltà verso l'azienda, sono anche più produttivi.

In tale ottica risulta fondamentale per le imprese capire come funziona il welfare aziendale per assicurarsi il massimo impegno delle proprie risorse.

Un concetto nato negli Stati Uniti ed assimilato in pieno dai colossi della Silicon Valley. Tra le 20 imprese più virtuose che si sono distinte per le politiche di welfare aziendale, ce ne sono ben 5 della Silicon Valley: Netflix, Google, Facebook, Github e Genentech.

Netflix è fautrice della filosofia "Work smarter, not harder". Il concetto è molto chiaro: secondo la società che offre servizi di streaming l'importante non è la quantità delle ore lavorative, quanto piuttosto la qualità.

Un dipendente felice è un dipendente produttivo, quindi lavora meglio e anche l'azienda ne trae beneficio.

Inoltre Netflix ha introdotto politiche di welfare molto generose per le neomamme o i neopapà, che possono usufruire dai 4 agli 8 mesi per un congedo pagato. Il tutto si affianca ad una serie di benefit che riguardano gli eventi, i viaggi e la formazione.

Anche Salesforce, impresa statunitense di cloud computing che ha sede a San Francisco, batte molto sulle politiche di welfare destinate soprattutto ai genitori.

I dipendenti che vogliono un figlio sono supportati economicamente dall'azienda, indipendentemente che ricorrano all'adozione, alla fecondazione assistita o alla maternità surrogata. Salesforce mette a disposizione tanti altri benefit, come scrivanie con tapis roulant, lezioni di yoga, tavoli da ping pong e da biliardo per concedersi una pausa ludica durante il lavoro.

Non solo le multinazionali, ma anche le piccole società ormai hanno compreso quanto sia importante sposare progetti finalizzati al welfare aziendale.

Ne è un esempio perfetto Kong, startup di San Francisco fondata da due italiani, che offre ai suoi dipendenti pause pranzo con giochi di società, uffici dog-friendly e giorni di ferie illimitati. Non sorprende che il 96% dei collaboratori di Kong si dice letteralmente entusiasta di lavorare per la startup.

Ed in Italia? Il concetto di welfare aziendale in effetti è arrivato con un po' troppo ritardo nel nostro paese, ma il vento sta cambiando.

Anche le imprese italiane hanno compreso che provvedere al benessere dei loro collaboratori non è solo una questione umana, ma anche di marketing e di opportunità.

Sono così stati realizzati asili nidi o palestre nel luogo di lavoro, o comunque in prossimità. Le neomamme possono quindi tornare al lavoro in tutta serenità, con la consapevolezza che i figli sono a pochi metri da loro. Chi invece vuole concedersi un'oretta di svago, magari durante la pausa pranzo, può allenarsi in palestra per sciogliere la tensione e tornare al lavoro più carico e motivato di prima.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium