/ Eventi

Eventi | 19 ottobre 2021, 18:08

Passano gli anni, ma “PaesanAinpiazza” continua a far registrare numeri da record (FOTO)

Migliaia di visitatori, a Paesana, per la 23esima edizione della rassegna dell’agricoltura, dell’artigianato, del commercio e della zootecnia locale. In mattinata premiate le realtà che si sono contraddistinte per l’impegno in prima linea nell’emergenza pandemica

Alcune immagini della rassegna

Alcune immagini della rassegna

È difficile stimare la mole di visitatori che domenica si è riversata nelle vie e nelle piazze di Paesana per “PaesanAinpiazza”, la 23esima rassegna dell’agricoltura, dell’artigianato, del commercio e della zootecnia locale.

Migliaia di persone, sin dal mattino, hanno affollato la grande area fieristica, che come ormai vuole la tradizione ha occupato l’intero centro paese, diventato per un giorno una grande isola pedonale dove la gente ha potuto camminare, tra banchi, stand espositivi e iniziative collaterali.

Il sindaco del paese, Emanuele Vaudano, ha tagliato il nastro della rassegna, alle 10 del mattino, sul Lungo Po, sulle note dell’Inno di Mameli intonato dalla banda musicale del maestro Aurelio Seimandi. Sull’evento è poi scesa la benedizione impartita dal diacono Pierino Vacchetta.

Al fianco del sindaco, un ricco parterre di Amministratori. Il senatore Marco Perosino, il deputato Flavio Gastaldi, il vicepresidente del Consiglio regionale Francesco Graglia, il consigliere regionale Paolo Demarchi, il vicepresidente della Provincia di Cuneo Flavio Manavella, il sindaco di Saluzzo Mauro Calderoni, il presidente dell’Unione del Monviso Emidio Meirone, tanti sindaci della vallata e il presidente del Parco del Monviso Dario Miretti.

Subito dopo, poi, il Comune ha voluto consegnare un simbolico, ma sentito, riconoscimento a chi si è distinto, durante il Covid, per il costante impegno in prima linea. A ricevere il ringraziamento dell’Amministrazione comunale, il maresciallo Maurizio Galmuzzi, comandante della locale stazione dei Carabinieri, Andrea Borgogno e Gabriele Gilardone, in rappresentanza della squadra AIB e di Protezione civile di Paesana, Silvana Beitone, referente della sede di Croce rossa e Giovanni Re, capogruppo dell’Associazione nazionale Alpini.

Durante i discorsi delle autorità, due i principali temi che hanno fatto da filo conduttore: la rassegna simbolo di ripartenza (con tante attestazioni di merito per l’organizzazione dell’evento) e il grande impegno del mondo del volontariato, sia come supporto allo svolgimento dei grandi eventi, ma ancor più alla luce di quanto fatto nell’ultimo periodo di emergenza pandemica.

Poi, la premiazione degli agricoltori che, ogni anno, non fanno mancare la loro presenza alla rassegna. L’area del Lungo Po, infatti, ormai è uno dei fiori all’occhiello dell’evento, con una grande esposizione zootecnica e di attrezzature agricole. A seguire, ancora, l’inaugurazione di “piazza Giovanni Battista Mattio” (di cui daremo conto in un articolo dedicato) e la grande giornata di fiera.

Occhi puntati, tra le tante iniziative collaterali, sui ragazzi di “Slackline Cuneo ASD”, che, nell’arco della giornata, hanno “camminato” sul Po, con una slackline sospesa nel vuoto, sul letto del Grande Fiume, a pochi metri dal ponte ad archi simbolo di Paesana, tra gli sguardi incuriositi dei tanti passanti.

Ancora una volta, grande successo per l'evento. Con numeri – forse – da record. A riconferma di quanto “PaesanAinpiazza” sia riuscito a diventare ormai una di quelle irrinunciabili tradizioni autunnali. Un evento, ogni anno, da non perdere.

Ora, l’arrivederci al 2022.

Nicolò Bertola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium