Attualità - 21 ottobre 2021, 17:01

Fossano, sul polo logistico Conad risponde alle associazioni ambientaliste: "Progetto sostenibile, rimaniamo aperti al confronto"

L'azienda valuta anche l'utilizzo di altri siti, come l'area ex-Michelin, "nell’ipotesi in cui l’amministrazione comunale fosse in condizione di dare tempi e modi per una ristrutturazione del piano viario in linea con gli obiettivi del progetto"

Foto generica

Foto generica

Non si placano le discussioni sul nuovo polo logistico Conad che dovrebbe sorgere, entro i prossimi tre anni, su un'area di 10 ettari tra via Villafalletto e via Ceresolia: l'accordo di progetto - che prevede di costruire su un'area di 50.000 metri quadri, oltre al polo logistico in questione anche due aree di sosta, un invaso per misure antincendio e un bretella di collegamento per fluidificare il traffico sulla tangenziale - è stato approvato a fine settembre, portando alla stesura di una variante parziale al PRG.

Rapida è stata la risposta di Legambiente Cuneo, Pro Natura Cuneo, Cuneo Birding, LIPU Cuneo e Italia Nostra Cuneo e Fossano, che hanno prodotto una lettera comunitaria di netto rifiuto del progetto. "“Persone oltre le cose” è il noto slogan pubblicitario della Conad, che in questo caso non viene affatto messo in pratica - vi si è letto - . Ci chiediamo quale attenzione sia riservata alle persone, considerato che vicino all’area prevista per l’insediamento esistono, oltre ad attività produttive artigianali, insediamenti residenziali che sarebbero fortemente penalizzati dall’impatto visuale/paesaggistico e dall’incremento del traffico pesante. Per non parlare dell’autentico “insulto visuale” per l’intera comunità fossanese, dovuto alla pesante alterazione dello skyline causato dai quasi trenta metri di una parte dei nuovi fabbricati".

Conad Nord Ovest ha quindi ritenuto di inviare agli organi di stampa alcune precisazioni, riassumibili nella dichiarazione che "l’area di Fossano è stata sottoposta a lunghe e complesse analisi logistiche ed è quindi stata individuata come la più idonea per l’insediamento di un nuovo polo logistico destinato a servire la rete vendita della Liguria, del Piemonte e della Valle D’Aosta".

"Nelle sue verifiche, Conad Nord Ovest ha anche attentamente valutato, tra gli altri, il sito EX Michelin, in funzione della sua dimensione e della sua destinazione d’uso; per questo sito, sono anche state studiate potenziali soluzioni progettuali ed esaminato  il tema delle bonifiche necessarie. A queste analisi si è aggiunta poi la valutazione della criticità del sistema viario attorno alla EX Michelin e delle informazioni fornite dall’Amministrazione Comunale sui tempi stimati per gli interventi infrastrutturali di risoluzione di tale criticità; tali tempi sono incompatibili con i tempi di attivazione del Polo Logistico" si legge ancora nella lettera.

"Al termine delle verifiche e stante la non idoneità della EX Michelin ad essere riconvertita a polo logistico, il Gruppo Caredio, promotore di sviluppo immobiliare, ha proposto a Conad Nord Ovest l’area di via Villafalletto e le relative ipotesi progettuali di insediamento del nuovo Polo Logistico; area e progetto che sono stati valutati da Conad Nord Ovest come idonei alle proprie esigenze logistiche".

"Conad Nord Ovest, attraverso il Promotore Caredio, ha poi potuto verificare la conoscenza dell’Amministrazione Comunale del progetto di Via Villafalletto e il suo gradimento; gradimento formalizzato dalla stessa Amministrazione Comunale con la delibera di Consiglio Comunale del n. 59 del 27.09.2021. Conad Consorzio Nazionale, informato del progetto, ha potuto verificarne il rispetto delle condizioni di sostenibilità ambientale, sociale ed economica per la comunità in cui il nuovo polo logistico svolgerà la propria attività. È stata anche informata delle iniziative per la sostenibilità che Conad Nord Ovest ha già avviato o di prossimo avvio, nell’interesse della comunità. Le verifiche condotte le consentono di confermare che il progetto è in linea con altre iniziative volte allo sviluppo sostenibile delle comunità in cui l’insegna svolge la propria attività".

"Conad e Conad Nord Ovest confermano comunque la loro piena disponibilità al confronto costruttivo con i rappresentanti del territorio, per proseguire nell’opera di riduzione di ogni forma di impatto del progetto di sviluppo del polo logistico - si conclude la lettera - . Confronto che potrebbe riconsiderare anche altri siti, come l’area EX Michelin, nell’ipotesi in cui l’amministrazione comunale fosse in condizione di dare tempi e modi per una ristrutturazione del piano viario in linea con gli obiettivi del progetto di polo logistico".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU