/ Economia

Economia | 26 ottobre 2021, 07:00

CBD: perché in Svizzera è legale

La normativa distingue tra Cannabis legale e non legale in base al contenuto di cannabinoidi della pianta: ecco una pratica guida per essere bene informati

CBD: perché in Svizzera è legale

La legge non ammette ignoranza.

Non è solo un proverbio ma sono parole a cui fare molta attenzione per non incorrere in inutili rischi.

Purtroppo è anche vero che non sempre la legge è chiara e non sempre è facilmente consultabile.

Per questo in tanti nutrono dubbi e timori quando si tratta di avere a che fare con ambiti delicati come quelli del consumo della Cannabis.

Si parla tanto di Cannabis light, prevalentemente a base di cannabidiolo (CBD), che si dice sia perfettamente legale.

D’altronde la si trova in vendita in shop autorevoli e perfettamente in regola come il cbd shop Justbob.

Ma ciò non toglie che, finché non se ne ha la certezza, dubbi e timori potrebbero permanere.

D’altronde a nessuno piace l’idea di essere sanzionato. Quindi meglio prima assicurarsi di conoscere l’argomento nel dettaglio.

In quest’articolo spiegheremo perché la vendita e il consumo di CBD sono perfettamente legali e quali sono gli usi terapeutici di questa sostanza.

Cosa pensa la legge svizzera del CBD
In Svizzera il CBD è completamente legale, ma la Cannabis no!

Com’è possibile questo paradosso?

La soluzione all’enigma è che in Svizzera la legge non si concentra tanto sulla pianta della Cannabis in sé, quanto sul suo contenuto.

La normativa distingue tra Cannabis legale e non legale in base al contenuto di cannabinoidi della pianta.

Come noto, la Cannabis contiene fondamentalmente due cannabinoidi che la rendono amata ma anche discussa:

  • il tetraidrocannabinolo (THC) –una sostanza psicotropa prevalentemente ricercata da chi fa uso di marijuana a scopo ricreativo;
  • il cannabidiolo (CBD) –una sostanza non psicotropa con proprietà rilassanti, antiinfiammatorie e analgesiche.

 

La normativa Svizzera prevede che sia lecito produrre, commercializzare e acquistare Cannabis quando abbia un contenuto di THC non superiore all’1%, indipendentemente dal contenuto di CBD che è dunque considerato perfettamente lecito.

Siamo dunque sulla stessa linea di tanti altri Paesi europei, per i quali la liceità della canapa si fonda sul basso contenuto di THC. La differenza sta nelle percentuali di principio attivo consentito che risulta altrove decisamente più basso (in Germania per esempio il limite è dello 0,2%).

Per chi si chiedesse a quali rischi si incorra se si infrange il limite dell’1%di THC per uso personale, ecco la risposta.

Innanzitutto il possesso di Cannabis con valori di stupefacente superiori al consentito non viene necessariamente sanzionato. Infatti, se non si viene colti mentre la si sta consumando, e la quantità viene considerata trascurabile (a discrezione dell’autorità giudiziaria), non si corre nessun rischio.

Il concetto di “quantità trascurabile” non ha una definizione precisa e dunque si presta a differenti interpretazioni di caso in caso.

È interessante notare che, se in passato la giustizia svizzera agiva interpretando la norma con severità anche contro chi fosse in possesso di piccole quantità di marijuana, negli ultimi anni il vento sta cambiando.

Nel 2019, infatti, ha fatto scalpore il caso di uno studente fermato con 10 grammi di Cannabis che in tribunale è stato completamente assolto da ogni accusa.

Tutto quanto detto finora vale per il semplice possesso. Se si viene colti in flagranza mentre si assume marijuana, allora la legge svizzera è chiara: il consumo di stupefacenti è illegale.

Nei casi di consumo ad uso personale la pena in cui si incorre è una semplice sanzione pecuniaria di 100 Franchisenza tener conto dei precedenti né della situazione personale dell’autore dell’illecito, salvi i seguenti casi:

  • se il reo è stato colto mentre consumava anche altri stupefacenti;
  • se è minorenne.

In questi casi si incorre rispettivamente nella giustizia penale ordinaria o in quella minorile

Cannabis e salute: cosa dice la ricerca medica

Si sente parlare spesso di CBD per uso terapeutico. È un tema molto discusso su cui girano tante voci confuse e contraddittorie.

In casi come questi la cosa migliore è stare a sentire il parere delle fonti più autorevoli. E ce n’è una in particolare che in tema di salute occupa un posto di primo piano:l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Sul tema l’OMS ha deciso nel 2019 di rimuovere il CBD dalla lista delle sostanze stupefacenti discutendo la possibilità di inserirlo tra i farmaci.

Come noto, la ricerca sui possibili utilizzi terapeutici della Cannabis è ancora agli esordi, e c’è tanto da investigare sul tema. Mala ricerca medica ammette già con cognizione di causa che questa pianta possa ricoprire un ruolo di supporto nel trattamento di diverse patologie.

Di seguito alcuno esempi dei suoi possibili utilizzi a scopo terapeutico:

  •  terapia del dolore – l’effetto analgesico della Cannabis può essere sfruttato per ridurre i dolori nelle cure palliative di patologie come i tumori;
  • azione ipotensiva – nelle giuste dosi,i cannabinoidi agiscono sulla pressione sanguigna abbassandola. Questo effetto risulta particolarmente utile nel trattamento del glaucoma, patologia causata da un’eccessiva pressione intraoculare;
  • stimolazione dell’appetito – conosciamo tutti la cosiddetta fame chimica. Quello che non tutti sanno è che la Cannabis può essere usato per stimolare l’appetito in condizioni come l’anoressia e l’inappetenza durante i trattamenti chemioterapici.

In conclusione

Abbiamo chiarito come la Svizzera abbia legiferato sui cannabinoidi, e in particolare sul CBD.

Chi ne fa uso a scopo ricreativo, ma soprattutto per trovare sollievo dai sintomi delle proprie patologie, può dormire sonni tranquilli. Nei termini sopra descritti il suo acquisto e consumo è totalmente lecito.

Come in tanti altri ambiti, anche per quanto riguarda il consumo di CBD l’importante è sempre farlo con criterio. In particolare, in caso di utilizzo terapeutico, la regola è valutarlo SEMPRE assieme a un medico abilitato.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium