/ Eventi

Eventi | 26 ottobre 2021, 18:37

La Festa del libro medievale e antico di Saluzzo accolta con entusiasmo da autori, editori, librai, lettori, bambini

Domani, ultimo incontro la lectio magistralis di Franco Cardini , già sold out da giorni. La nuova manifestazione libraria, dedicata alla cultura e storia medioevale, è promossa dalla Fondazione Cr Saluzzo con il Comune, in collaborazione con Salone del Libro di Torino e Fondazione Bertoni. Gli organizzatori pensano all’edizione 2022

La Festa del libro medievale e antico di Saluzzo accolta con entusiasmo da autori, editori, librai, lettori, bambini

 

Un clima  di vitalità e entusiasmo ha accompagnato le tre giornate della  prima Festa del libro medievale e antico di Saluzzo “Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori” che si conclude  domani mercoledì 27 ottobre con la lectio magistralis di Franco Cardini (ore 17.30, Monastero Santa Maria della Stella, Piazzetta della Trinità 4), tratta dai temi del suo libro "Le cento novelle contro la morte".

L’incontro è sold out da diversi giorni, come lo sono stati molti appuntamenti della nuova manifestazione libraria dedicata alla cultura e storia medioevale, promossa dalla Fondazione CrSaluzzo con il Comune, in collaborazione con Salone Internazionale del Libro di Torino e la Fondazione Bertoni.

"Saluzzo si è dimostrata una città ideale pe una manifestazione di questo tipo che rispetta la storia della città e la cultura dl territorio – Marco Piccat presidente della fondazione CrSaluzzo-  Il pubblico, numeroso e coinvolto, ha accolto molto bene  le proposte del nostro programma. Tante sono state le richieste di partecipazione che non abbiamo potuto accogliere e questo ci porta considerare il fatto di dover ragionare sulle location e sulle  strutture da dedicare alle iniziative culturali e di spettacolo. Gli appuntamenti di diverso tipo hanno riportato alla luce che il Medioevo che sembrava un tempo buio, in realtà è pieno luce e di voci da far conoscere”.

"Grande soddisfazione per la riuscita del nuovo evento culturale – commenta il sindaco Mauro Calderoni  - La collaborazione tra le realtà  cittadine e il supporto del Salone Internazionale del Libro ci hanno permesso di realizzare un programma di qualità, premiato infatti dalla presenza di un numeroso  pubblico e dall’attenzione dei media. Ora subito al lavoro per un’edizione 2022 che dovrà consacrare l’evento, ampliandolo e migliorandolo”.

Grande interesse per la maggior parte degli appuntamenti, alcuni dei quali con il tutto esaurito, come: il concerto di Angelo Branduardi  in duo con il musicista Fabio Valdemarin in un’atmosfera carica di emotività e complicità con gli spettatori e accompagnata da applausi continui; l’incontro di Chiara Frugoni con Marco Piccat in cui la nota medievalista, ha raccontato figure femminili che nel Medioevo hanno saputo seguire le proprie vocazioni, partendo dal suo nuovo libro Donne medievali. Sole, indomite, avventurose.

L'incontro con Franco Giletta Alberto Gedda ha presentato il suo  libro appena pubblicato La tavolozza di Leonardo. Il genio di Vinci e il Marchesato di Saluzzo, ricchissimo di storia marchionale inedita, curiosità e suggestioni intorno al più grande genio italiano.

Accoglienza entusiasta anche per gli altri appuntamenti, tra cui la lezione di Aldo Cazzullo tratta dal libro pubblicato recentemente Il posto degli uomini. Dante in Purgatorio dove andremo tutti (Mondadori) e lo spettacolo dei falconieri che in due ore ha raccolto lungo la Salita al Castello più di 400 persone, molti bambini, tutti  affascinati dai rapaci come la maestosa aquila reale, il falco sacro, il falco Gyr, il falco pellegrino, la poiana di Harris, l’assiolo faccia bianca, il gufo africano.

Interesse e attenzione hanno riscosso anche: la tavola rotonda con Mons. Franco Giulio Brambilla e Marco Piccat; l’incontro con Marcello Simoni, in dialogo con Livio Partiti, sul bestseller ambientato nel Medioevo La profezia delle pagine perdute; lo spettacolo teatrale La canzone di Dante di Alessio Giusti; l’appuntamento per bambine e bambini con Sara Marconi; le azioni pittoriche collettive delle Artenaute del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte, ispirata all'affresco San Giorgio e la principessa di Pietro Pocapaglia, immagine guida della manifestazione; gli incontri del Centro Studi Piemontesi tra cui quello che ha fatto ascoltare le liriche dell’antica Provenza; gli interventi musicali dell’orchestra Suzuki e della Scuola APM.

Lo spazio espositivo allestito  alla ex Caserma Musso ha riunito editori, librerie e librerie antiquarie sabato 23 e domenica 24 ottobre.

"A nome dei librai antiquari presenti alla manifestazione – commenta Massimo Gilibert di Gilibert Libreria Antiquaria – ringrazio e faccio i complimenti per la riuscita della manifestazione. Vi abbiamo aderito con curiosità e entusiasmo, ma anche con un certo timore, essendo la prima edizione, ma ci siamo immediatamente resi conto di aver fatto una buona scelta, quando, tra sfilate in costume d'epoca, concerti d'arpa e racconti di cavalieri e dame, siamo stati trasportati 8 secoli indietro nel tempo. Affluenza e interesse del pubblico al di sopra delle nostre aspettative e, fattore non trascurabile per degli operatori commerciali, vendite più che soddisfacenti. Grazie e al prossimo anno".

A cornice gli  esercizi commerciali della città hanno ospitato (e continuano a ospitare) nelle proprie vetrine titoli di libri selezionati sul tema, dalla saggistica alla narrativa, dal fantasy ai libri antichi, che ora confluiranno in un nuovo Fondo del libro medievale alla Biblioteca civica di Saluzzo “Lidia Beccaria Rolfi” per la fruizione libera e gratuita.

Il Gruppo Storico del Saluzzese ha animato le vie del centro con sfilate in abiti medievali e la partecipazione di sbandieratori e banditori. Itur ha proposto laboratori sul tema del libro medievale e dei codici musicali per i più piccoli.

Grazie alla collaborazione con Nuovi Mondi il pubblico ha rivisto sul grande schermo il film Francesco, giullare di Dio di Roberto Rossellini. I Fondi storici della Biblioteca hanno aperto gli archivi per un’esposizione degli esemplari più importanti della collezione. A.P.S. UR-CA ha allietato i palati con speciali menu dai sapori medievali.

Nella festa anche la proiezione di un  video che narra le rappresentazioni collegate a Dante realizzate dalle Superiori di Saluzzo.

In occasione della Festa, a Palazzo dei Vescovi sono state aperte le mostre L'Evangelario Eusebiano dal Codice A, e 371 – 2021 Sant’Eusebio: il coraggio dell’evangelizzazione, che chiude il 6 gennaio 2022.

 

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium