/ Politica

Politica | 21 novembre 2021, 17:30

Enrico Costa mattatore sulla giustizia alla Leopolda

Il suo intervento raccoglie applausi dalla platea. Renzi lo ringrazia con calore e gli dice: “Dopo quel che hai detto, non riesco a capire come alle prossime elezioni potremo andare divisi”. Venerdì 26 Calenda sarà a Cuneo e capiremo se il matrimonio tra Azione e Italia Viva s’ha o no da fare

Enrico Costa con Matteo Renzi e Sergio Mattarella

Enrico Costa con Matteo Renzi e Sergio Mattarella

Enrico Costa è stato protagonista ieri alla Leopolda, la convention di Italia Viva di Matteo Renzi, di un intervento sul tema della giustizia che ha riscosso applausi a scena aperta.

Insieme a lui, ad affrontare lo spinoso tema, sono stati il giudice emerito della Corte Costituzionale Sabino Cassese, il giudice Carlo Nordio, il presidente dell’Unione delle Camere penali, Giandomenico Caiazza e il giornalista Alessandro Barbano.

Il deputato monregalese di Azione ha riproposto temi, che, non da oggi, sono i suoi cavalli di battaglia, a partire dal “processo show, che trasforma in sentenza le indagini preliminari” fino all’altra questione, altrettanto scottante, del “diritto all’oblìo”.

Provate a pensare alle conferenze stampa. Sono – ha spiegato Costa - inchieste presentate come dei film: abbiamo i protagonisti, che sono i pm, e persino i trailer. La sentenza è quella conferenza stampa, quel titolo di giornale che si diffonde in rete. La sentenza vera arriverà dopo anni, quando non interesserà a nessuno. Grazie al recepimento della direttiva sulla presunzione d’innocenza, tutto questo non sarà più possibile Penso – ha detto dal palco della convention renziana – che compito dello Stato sia quello di garantire al cittadino, quando esce da innocente da un processo penale, di poter essere la stessa persona che era prima del processo”.

A fine del suo appassionato intervento, Matteo Renzi lo ha ringraziato con calore dicendogli pubblicamente: “Dopo quello che hai detto non riesco a capire come alle prossime elezioni potremo andare divisi. Mi sembra impossibile”.

I rapporti tra Renzi e Costa sono sempre stati buoni, anche perché Costa, quando il leader di Italia Viva era premier, è stato prima viceministro alla Giustizia e poi ministro agli Enti locali e alla Famiglia. Sentiremo, venerdì sera al Toselli di Cuneo che cosa dirà al riguardo Carlo Calenda. Se cioè il matrimonio tra Azione e Italia Viva s’ha o no da fare. Una prima, timida convergenza pare affacciarsi per il Quirinale.

Sia Renzi che Calenda, infatti, vedono con favore Paolo Gentiloni, ex premier e Commissario Ue per gli affari economici, alla successione di Sergio Mattarella.

Sul piano locale, invece, la partita è in alto mare anche perché mentre Azione si sta radicando sul territorio, in Italia Viva tutto ancora tace.

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium