/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2021, 12:36

Restituzione di Irpef e Tari e sostegno alla locazione: il Comune di Mondovì dalla parte delle famiglie

L'assessore Rizzola e il sindaco Adriano: "Un intervento che viene riproposto, molto apprezzato negli scorsi anni ma che continua a configurarsi come necessario"

L'assessore al Bilancio Cecilia Rizzola

L'assessore al Bilancio Cecilia Rizzola

Interventi necessari specie a fronte dei periodi di difficoltà pandemica vissuti negli ultimi due anni - come indicato dall'assessore al Bilancio del Comune di Cuneo Cecilia Rizzola - sono le due misure varate nel corso del mese di novembre per l'istituzione del fondo di restituzione TARI e IRPEF e del fondo di sostegno alla locazione.

IL FONDO DI RESTITUZIONE TARI-IRPEF

L'accordo firmato il 29 ottobre tra Comune, CGIL, CISL e UIL prevede di costituire un fondo da 15.000 euro per la restituzione totale o parziale di Irpef e Tari versate nell’anno 2020.

Per l’Irpef si useranno a parametro le stesse soglie ISEE dell’anno precedente, pertanto potranno accedere alla restituzione i nuclei familiari con ISEE fino a 18.000 euro, 19.000 euro nel caso dei nuclei monocomposti. Per la Tari, invece, i redditi ISEE fino a 13.000 euro potranno richiedere la restituzione del 40% della somma versata e quelli da 13.000,1 a 15.000 del 30%. Le utenze che già beneficiano delle agevolazioni previste dall’art.20 del regolamento della tassa sui rifiuti non possono accedere al fondo di restituzione.

Le domande si possono presentare fino al 15 dicembre. La modulistica è presente sul sito dell’ente comunale, ed è possibile rivolgersi ai sindacati per il sostegno nella compilazione e nella trasmissione delle domande stesse.

Con questo accordo, l’Amministrazione intende ancora una volta, per quanto nelle sue possibilità e competenze, intervenire a sostegno di quei nuclei famigliari che sono in situazione di necessità e non godono di altre agevolazioni - dicono Rizzola e il sindaco Paolo Adriano - . L’inserimento dell’ISEE corrente consente inoltre di arrivare anche a quelle famiglie che diversamente non avrebbero potuto beneficiare del contributo ma che ne hanno fortemente necessità stante la situazione attuale. Viene quindi confermato con uno stanziamento di 15.000 euro un intervento che gli anni scorsi è stato molto apprezzato e che ora più che mai si rende necessario”.

IL FONDO DI SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE
Sarà invece possibile presentare le domande di ammissione al fondo per il sostegno alla locazione sino al 31 dicembre.

Il fondo è stato finanziato nuovamente dalla Regione per l'annualità 2021. Vengono coinvolti i cittadini residenti a Mondovì con un contratto di locazione a uso abitativo regolarmente registrato, con canone corrisposto all’anno 2021 e che abbiamo i requisiti descritti nel bando pubblicato sul sito internet comunale.

La domanda si può presentare esclusivamente online, autenticandosi tramite SPID. Si potrà fare riferimento all’ufficio Politiche Sociali del Comune (0174559263 contattabile dalle 11 alle 12.30 nei giorni dal martedì al sabato, o indirizzo mail culturasportassistenza@comune.mondovi.cn.it).

GLI AIUTI ALLE IMPRESE

Per quanto riguarda le imprese, infine, il Comune ha messo a disposizione un fondo da 300.000 euro tramite un bando che funzionerà a sportello e in ordine di presentazione della domanda (che dovrà essere attuata tramite il sito internet).

Si prevedono due diverse fasce: la prima comprende discoteche, sale da ballo, centri fitness, palestre, cinema, strutture ricettive ed extra ricettive, anche non imprenditoriali e la seconda invece attività economiche che abbiano dovuto osservare la sospensione disposta dal DPCM 3 novembre 2020 (seconda "zona rossa") e che abbiano subito, rispetto al 2019, un calo del fatturato di almeno il 15%.

La prima fascia potrà ricevere un contributo di 130.000 euro - 3.000 euro a discoteche, sale da ballo, centri fitness, palestre e cinema e 2.300 euro a strutture ricettive ed extra ricettive di natura imprenditoriale e non imprenditoriale - ; i soggetti facenti parte della seconda, invece, si vedranno corrisposti 500 euro di contributo.

"Se avanzeremo dei soldi sulla prima fascia verranno destinati alla seconda e, in caso si avanzino soldi anche lì rivedremo l'importo del contributo - ha sottolineato Rizzola - . Restano così esclusi dal contributo le sale giochi, le sale scommesse, le sale VLT, le attività di compro oro e tutti gli esercizi di cui agli allegati 23 e 24 del DPCM citato. Lo sportello resterà aperto fino ad esaurimento risorse, comunque non oltre le 23.59 di venerdì 3 dicembre".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium