/ Eventi

Eventi | 29 novembre 2021, 18:09

Numeri da record per il FestivaLieve di Asti con oltre 1300 persone alla mostra su Luzzati

La prima edizione, organizzata dall'associazione Feed e diversi partner ha coinvolto astigiani e istituzioni in diversi appuntamenti. Per Sgarbi più di 400 persone

Foto di MerfePhoto

Foto di MerfePhoto

Una prima volta di grande successo per il FestivaLieve, la manifestazione culturale promossa dall'Associazione Feed di Asti, in parternariato con Comune, Provincia e Regione.

Duemila persone hanno partecipato agli appuntamenti organizzati da FestivaLieve a Palco 19 e in UniAstiss.

Mentre tra Palco 19 e UniAstiss si affollavano studenti e adulti, famiglie e universitari, alla mostra intitolata Luzzati, Calvino e il concetto di levità, allestita a Palazzo Ottolenghi, veniva staccato il 1.300° biglietto di ingresso.

Tra gli appuntamenti più apprezzati quello con Vittorio Sgarbi, che, introdotto da Fabio Carosso, vicepresidente della Regione Piemonte, e Mario Sacco , presidente di Fondazione CrAsti, ha tenuto la sua lectio magistralis alla presenza di circa 400 persone.

Armando Milani, il designer che ha creato il logo dell'Onu con la colomba,  ha fatto riflettere oltre 300 studenti con i suoi manifesti di comunicazione sociale, durante la lecture tenuta in UniAstiss, con la collaborazione di Accademia di Belle Arti di Cuneo.

Molto seguito anche l'incontro organizzato in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donneil 25 novembre, quando il giornalista Giovanni Terzi ha dialogato con Simona Ventura, madrina del FestivaLieve, l'assessore alle pari opportunità di Asti Elisa Pietragalla, l'assessore alle manifestazioni di Asti Loretta Bologna , la presidente dell'Ente Fiera Internazionale del tartufo bianco d'Alba Liliana Allena e Paola Malabaila, in rappresentanza della Fondazione CrAsti, mentre gli assessori regionali Vittoria Poggio e Chiara Caucino, non potendo intervenire in presenza, hanno chiesto di leggere messaggi specifici.

Una folla di ammiratori della Corona inglese ha assistito all'incontro con Antonio Caprarica, moderato da Betty Martinelli del nostro Gruppo editoriale.

Storico inviato Rai a Londra, ha intrattenuto il pubblico con aneddoti e segreti della Coron. Successo di pubblico hanno  riscosso anche gli interventi di Gianluca ZambrottaLeonardo Manera, Dario Vergassola e Massimo Morini . Non sono mancati poi gli appuntamenti dedicati ai più piccoli, con la matinée di Chapitombolo e la pomeridiana di Claudio& Consuelo, e quelli pensati per i ragazzi con i Legolize e con Tredici Pietro, che dopo l'intervista condotta da Elisabetta Testa del  nostro Gruppo editoriale, ha chiuso gli appuntamenti di FestivaLieve facendo ballare il pubblico al ritmo dei suoi successi. 

LUZZATI, CALVINO E IL CONCETTO DI LEVITÀ 

Sono già 1.300 le persone che hanno visitato la mostra “Luzzati, Calvino e il concetto di levità”, nei primi 4 fine settimana di apertura.

L'esposizione, il cui allestimento è stato curato da Lele Luzzati Foundation, sarà visitabile gratuitamente a palazzo Ottolenghi, fino al 19 dicembre , nei seguenti orari: venerdì 15.30-18.30, sabato, domenica e l'8 dicembre: 10-18.30.

La mostra è visitabile dai gruppi scolastici in orario mattutino su prenotazione scrivendo a segreteria@festivalieve.com

Lievemente in arte

Molto apprezzata dal pubblico astigiano anche la mostra Lievemente in Arte, curata da Marisa Garramone e allestita a Palco 19, che riuniva le opere di Antonio Guarene, Viviana Gonella, Rossana Turri, Barbara Fantaguzzi, Ottavia Boano Baussano, Giorgio Panelli, Paolo Viola, Marzio Broda, Maurizio Carrer, Massimo Paganini e Matteo Bisaccia, oltre che della stessa Marisa Garramone. 

Carlo Sorrentino, presidente di Feed e promotore del FestivaLieve, soddisfatto dichiara: "Voglio ringraziare quanti hanno reso possibile tutto questo: gli artisti e i loro management, i media che ci hanno ampiamente sostenuto, gli Istituti scolastici che hanno calorosamente aderito ai nostri laboratori, gli studenti che hanno partecipato attivamente e realizzato colorate interviste per radio e giornali scolastici, Lele Luzzati Foundation, che ha curato la mostra che tante persone sta richiamando, i giovani del gruppo Orned, che ci hanno aiutato operativamente, le boutique astigiane che hanno fornito gli outfit di Fernanda Lessa, gli alberghi e ristoranti che hanno accolto i nostri ospiti e la segreteria organizzativa che ha ideato e coordinato il tutto.  Vorrei, infine, rivolgere il ringraziamento più sentito e sincero alle istituzioni che ci hanno appoggiato, il Comune, la Provincia e la Regione e agli sponsor che ci hanno sostenuto, Good Look Maison,  Consorzio dell'Asti Docg, Asp Asti Servizi Pubblici,  Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato e Audi Zentrum, senza i quali questo progetto non si sarebbe potuto realizzare".

 

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium