ELEZIONI COMUNE DI CUNEO
 / Agricoltura

Agricoltura | 03 gennaio 2022, 10:18

Coldiretti: "Così l’impennata dei prezzi di gas e gasolio minaccia l’attività delle aziende agricole"

Roberto Moncalvo: "Servono accordi tra agricoltura, industria e distribuzione per garantire una più equa ripartizione del valore e salvare imprese e stalle"

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

L’aumento delle tariffe energetiche pesa sui conti delle famiglie, ma anche sui costi delle imprese e rende più onerosa la produzione e la commercializzazione in una situazione fortemente condizionata dall’emergenza Covid.

È quanto afferma la Coldiretti nel commentare gli aumenti di luce e gas che scatteranno dal 1° gennaio secondo quanto stabilito dall’Autorità di Regolazione Energia Reti e Ambiente (Area) con un aggravio per l’elettricità del 55% e per il gas del 41,8%.

“L’aumento della spesa energetica ha un doppio effetto negativo perché
– spiega Roberto Moncalvo, delegato confederale Coldiretti Cuneoriduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l’agroalimentare con l’inverno. Il costo dell’energia si riflette, infatti, in tutta la filiera e riguarda sia le attività agricole ma anche la trasformazione e la distribuzione. Per le operazioni colturali gli agricoltori sono stati costretti ad affrontare rincari dei prezzi fino al 50% per il gasolio necessario per le attività che comprendono l’estirpatura, la rullatura, la semina e la concimazione. Inoltre l’impennata del costo del gas, utilizzato nel processo di produzione dei fertilizzanti, ha fatto schizzare verso l’alto i prezzi dei concimi".

"L’aumento dei costi – prosegue Moncalvo – riguarda anche l’alimentazione del bestiame, il riscaldamento delle serre, ma ad aumentare sono pure i costi per l’essiccazione dei foraggi, delle macchine agricole e dei pezzi di ricambio per i quali si stanno verificando addirittura preoccupanti ritardi nelle consegne. Il rincaro dell’energia si abbatte poi sui costi di produzione come quello per gli imballaggi, senza dimenticare che la zootecnica deve affrontare, già da tempo, i rincari nei mangimi. Serve – conclude Moncalvo – responsabilità da parte dell’intera filiera alimentare con accordi tra agricoltura, industria e distribuzione per garantire una più equa ripartizione del valore per salvare aziende agricole e stalle”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium