/ Al Direttore

Al Direttore | 15 gennaio 2022, 15:15

Bonus psicologico: "La 'mente' urla, ma il Governo non ascolta"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Paolo Radosta

Immagine generica

Immagine generica

La pandemia è una questione materiale, concreta, biologica, di mera sopravvivenza fisica. O, perlomeno, questo è l'atteggiamento che traspare dalle decisioni dell'Aula rappresentativa del Paese e dalle notizie spesso contrastanti e confusionarie diffuse dai suoi media.

Eppure, nonostante il "Bonus Salute Mentale" non sia rientrato nella legge di bilancio 2022, è quasi palpabile una necessità crescente ed inascoltata d'aiuto psicologico. Un disagio sempre maggiore serpeggia in larghe fasce della popolazione.

La mente degli italiani è fragile, debole, incerta, insicura, solitaria. La necessità di cure sistematiche e continuative la vedi negli occhi persi e vuoti degli anziani che hanno smarrito la socialità, di fronte ai bar, nell'asetticità dei nuovi luoghi di lavoro, dentro mura domestiche sempre più violente, nei giochi solitari dei bambini.

La maggioranza di Governo, sempre più sottomessa ai voleri schizofrenici dei virologi o aspiranti tali, ha scelto di trattare i cittadini come fossero batteri o virus. Dimenticando che  siamo invece esseri psico-corporei, che necessitano di coltivare interessi, di appagamento culturale e ludico, di costruzione delle relazioni affettive ed erotiche. Il sacrificio della qualità della vita, ogni giorno più scadente, costituisce un grave pericolo d'inaridimento psichico e crea un grave deficit nelle capacità stesse di vivere il mondo.

Una maggioranza che include chi ha finanziato banchi a rotelle e feste dell'unità in piena pandemia, é stata capace di considerare la psiche un virtuosismo, un surplus sacrificabile. Una controtendenza, da chi ha scelto di abdicare la politica alla scienza. I dati parlano chiaro e testimoniano preoccupanti effetti del covid sulla sfera psichica, in specie sulle fasce deboli e sui giovani.

Alla salute mentale anteponiamo quella fisica, non comprendendo che la stessa non può esistere in assenza della prima componente.

Urge un ripensamento, un nuovo sguardo umanistico alla società, un cambio di rotta nei confronti del benessere mentale e della socialità e socializzazione.

A chi si oppone alla cecità di chi amministra a colpi di pass e divieti, non resta che citare William Hurt ne "Il Grande Freddo": “Sono così stufo di gente che svende la psiche per un po’ di attenzione.”

Paolo Radosta

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium