ELEZIONI COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO
 / Curiosità

Curiosità | 20 gennaio 2022, 14:40

Quei magistrati ebrei nella Cuneo fascista: i carteggi inediti sul Procuratore del Re Muggia saranno divulgati da Alessio Ghisolfi

Leopoldo Muggia, a inizio anni 30, chiese di ritornare sotto la sfera cattolica. Ma il regime da Roma indagava su di lui e sulla sua famiglia

Quei magistrati ebrei nella Cuneo fascista: i carteggi inediti sul Procuratore del Re Muggia saranno divulgati da Alessio Ghisolfi

Inediti ed importantissimi li definisce Alessio Ghisolfi, avvocato cuneese e storico. Riguardano la famiglia Muggia, magistrati il cui avo si converti’ dal cristianesimo all’ebraismo, subendo cosi’ le gravi ritorsioni del fascismo.

Leopoldo Muggia era Procuratore del Re a Torino e pochi conoscevano la sua vicenda, posto che a inizio anni 30 chiese di ritornare sotto la sfera cattolica. Ma il regime da Roma indagava su di lui e sulla sua famiglia: tutti stettero a Cuneo per alcuni anni e l’anagrafe cuneese, secondo la ricerca di Alessio Ghisolfi, conserva ancora la tessera di Aldo Muggia cin ben visibile il timbro recante la dicitura “razza ebraica”. Vivevano nel palazzo liberty a fianco della ex Bre su Viale Angeli.

Un carteggio inedito - dice Alessio Ghisolfi - avuto da una professoressa che cura la memoria storica in provincia di Cuneo da decenni e che ringrazio. Il corredo documentale e’ ampio ed e’ straordinario; che nessuno sapesse che il Procuratore Generale del Re, in pieno regime fascista a Torino, fosse di fatto ebreo e’ incredibile. Ne discussi molto anche con un caro amico a Torino, Procuratore Giancarlo Caselli, suo successore: certamente questo carteggio merita la pubblicazione”.

Umberto Muggia, figlio di Leopoldo, divenne Presidente del Tribunale di Torino negli anni 70.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium